Il destino può ben poco contro di noi
Gli sforzi incessanti per bandire il dolore non fanno altro che fargli mutare forma. Inizialmente si presenta in forma di povertà, di miseria, di timore di perdere la vita. Se, cosa difficilissima, si riesce a scacciare il dolore in questa forma, esso si ripresenta immediatamente in mille altre forme, a seconda dell’età e delle circostanze: come istinto sessuale, passione amorosa, gelosia, invidia, odio, angoscia, ambizione, avidità, malattia, ecc. Se poi alla fine non trova più altre forme, si presenta nel triste, abito grigio del fastidio e della noia, contro cui si cercherà di fare qualcosa. Ma anche se si riesce a scacciarli, difficilmente sarà possibile farlo senza aprire nuovamente la via al dolore in una delle forme precedenti. E così il ballo ricomincia da capo; perché la vita umana è un continuo oscillare tra il dolore e la noia. Ma se noi ci renderemo conto che il dolore come tale è essenziale ed inevitabile per la vita, e solo la sua forma, la forma in cui si presenta, dipende dal caso; e dunque la nostra sofferenza presente occupa un posto in cui, se non ci fosse quella, ne subentrerebbe subito un’altra che adesso viene tenuta lontana dalla presenza di quella; e dunque essenzialmente il destino può ben poco contro di noi. Una simile riflessione, se divenisse una convinzione sentita, produrrebbe un grado notevole di stoica indifferenza e ridurrebbe di molto l’angosciosa preoccupazione per il bene personale.

 
Crediti
 • Arthur Shopenhauer
 • SchieleArt •   • 

Similari

 ⋯ Il caso Nietzsche
956%  •  ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯


Gustave Doré ⋯ Elia distrugge i messaggeri di AhaziaCirca la nostra condotta verso noi stessi
519%  •  Arthur SchopenhauerDoré GalleryFilosofia
4.° Il manovale che aiuta a fabbricare un edifizio, non ne conosce il progetto, o non l’ha sempre sotto gli occhi; tale è pure la posizione dell’uomo mentre è occupato a dividere uno per uno i giorni e le ore della sua esistenza in rapporto all’insieme de⋯


 ⋯ Il dolore, e la noia. L’intelligenza
467%  •  Arthur SchopenhauerFilosofia
Un semplice colpo d’occhio ci fa scoprire due nemici della felicità umana; il dolore e la noia. Inoltre possiamo osservare che a misura che riusciamo ad allontanarci dall’uno, ci avviciniamo al secondo, e reciprocamente; di maniera che la nostra vita rapp⋯


 ⋯ Impero, vent’anni
399%  •  Autori VariPolitica
Vent’anni fa, quando è stato pubblicato il nostro libro Impero, i processi economici e culturali della globalizzazione erano al centro della scena: tutti potevano vedere che stava emergendo qualcosa come un nuovo ordine mondiale. Oggi la globalizzazione è⋯


Marina PodgaevskayaSulla differenza delle età della vita
384%  •  Arthur SchopenhauerFilosofia
Voltaire ha detto mirabilmente bene: Qui n’a pas l’esprit de son âge De son âge a tout le malheur. Converrà dunque che, per chiudere queste considerazioni eudemonologiche, gettiamo uno sguardo sulle modificazioni che l’età porta in noi. In tutto il corso ⋯


 ⋯ Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
384%  •  ArticoliAutori VariPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯