Il dono del mate
L’agricoltura praticata alle origini consisteva nel ripulire una parte della selva, piantare manioca e mais finché il suolo, dopo 4-5 anni, era completamente sfruttato e dunque la tribù doveva spostarsi verso nuove terre. La leggenda racconta che un vecchietto di una tribù – Guaraní – stanco di coltivare e poi transumare, decise che non poteva più seguire la tribù per cercare nuove terre. La più giovane delle sue figlie, Yari, decise di aiutarlo e di restare con lui ad aspettare la morte.
Un giorno, alla loro capanna giunse uno sciamano e chiese che cosa desideravano per essere felici. Il vecchietto rispose che voleva avere la forza per raggiungere con Yari la loro tribù. Lo sciamano gli donò allora una pianta verde e profumata, gli insegnò a piantarla, a raccogliere le foglie, a tostarle e triturarle, e a metterle in una zucca vuota, aggiungendo acqua calda o fredda per poi berla. Spiegò loro che l’infusione avrebbe restituito la salute e l’energia al vecchio, e che sarebbe inoltre stata una buona compagnia nelle ore più tristi di solitudine. A questo punto lo sciamano se ne andò.
Nacquero così la pianta del caa-mini e la bevanda caa-y, che gli invasori bianchi adottarono più tardi con il nome di yerba mate in spagnolo e di chimarrao (o erva mate) in portoghese.

 
Crediti
 • Marcela Olmedo
 • Mate. Il tè del Sudamerica
 • Pinterest •   • 

Similari

Egon Schiele ⋯ Rivoluzione scientifica
321%  •  Schiele ArtSocietàYuval Noah Harari
Nell’anno 1500 vivevano nell’interno del mondo 500 milioni di Homo Sapiens, oggi ce ne sono 7 miliardi. Nel 1500 poche città avevano più di 100 mila abitanti, la maggior parte degli edifici era fatta di legno, fango e paglia, solitamente non superavano i ⋯


 ⋯ Impero, vent’anni
312%  •  Autori VariPolitica
Vent’anni fa, quando è stato pubblicato il nostro libro Impero, i processi economici e culturali della globalizzazione erano al centro della scena: tutti potevano vedere che stava emergendo qualcosa come un nuovo ordine mondiale. Oggi la globalizzazione è⋯


Renato Guttuso ⋯ LL’anno della rivoluzione
282%  •  Maurice Rapport
Sotto un livido cielo di gennaio, un convoglio di slitte trainate da cavalli avanzava lasciando le sue scie in una pianura imbiancata di neve. La processione si fermò a una sbarra, e i passaporti dei passeggeri vennero esaminati da un sergente; un vecchio⋯


 ⋯ Il caso Nietzsche
275%  •  ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯


 ⋯ L’onore
242%  •  Arthur SchopenhauerFilosofia
La discussione sull’onore sarà molto più difficile e molto più lunga di quella sul grado. Prima di tutto dovremo definirlo. Se a tal uopo dicessi: «L’onore è la coscienza esterna, e la coscienza è l’onore interno», la definizione potrebbe forse piacere a ⋯


Gustave Doré ⋯ Elia distrugge i messaggeri di AhaziaCirca la nostra condotta verso noi stessi
241%  •  Arthur SchopenhauerDoré GalleryFilosofia
4.° Il manovale che aiuta a fabbricare un edifizio, non ne conosce il progetto, o non l’ha sempre sotto gli occhi; tale è pure la posizione dell’uomo mentre è occupato a dividere uno per uno i giorni e le ore della sua esistenza in rapporto all’insieme de⋯