⋯

L’uomo possiede la capacità di costruire linguaggi, con i quali ogni senso può esprimersi, senza sospettare come e che cosa ogni parola significhi.


Crediti
 • Ludwig Wittgenstein •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ Il fantasma del significante
128% LinguaggioLudwig Wittgenstein
L’uomo possiede la capacità di costruire linguaggi, con i quali ogni senso può esprimersi, senza sospettare come e che cosa ogni parola significhi, e, allo stesso modo, si parla senza sapere come i singoli suoni siano emessi. Il linguaggio comune è una pa⋯
 ⋯ Il linguaggio traveste i pensieri
128% LinguaggioLudwig Wittgenstein
I limiti del mio linguaggio significano i limiti del mio mondo. L’uomo possiede la capacità di costruire linguaggi, con i quali ogni senso può esprimersi, senza sospettare come e che cosa ogni parola significhi. Così come si parla senza sapere come i sing⋯
 ⋯ Non vi è nulla al di fuori del testo
85% ArticoliDarin McNabbLinguaggio
Già si è detto tutto, ma siccome viviamo dimenticando, bisogna continuare a ripeterlo. La ripetizione non è innocente: produce nuovi effetti. Se si pensa al termine “postmoderno”, vengono rapidamente in mente persone come Nietzsche, Heidegger, Foucault e ⋯
 ⋯ Le maschere e il teatro della vita
56% ArticoliClaudio MustacchiLinguaggio
II linguaggio quotidiano associa spesso la metafora della maschera definendo ad essa l’inganno e l’imbroglio. Nel quotidiano ritornano frasi del tipo “togliti la maschera!”, “quel tipo porta sempre una maschera”, “cosa c’è dietro la sua maschera?”. Il ter⋯
Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
52% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso “Il piacere del testo” analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a “leggere fino a farsi del male! F⋯
 ⋯ Il linguaggio parla come essenziale
45% LinguaggioMaurice Blanchot
La parola poetica non si oppone più allora soltanto al linguaggio comune ma anche al linguaggio del pensiero. In questa parola non siamo più rinviati al mondo, né al mondo come rifugio, né al mondo come insieme di scopi. In essa, il mondo arretra e gli sc⋯