Il fare è tutto

Allo stesso modo, infatti, con cui il volgo separa il fulmine dal suo brillare e prende quest’ultimo per un fare, per l’effetto di un soggetto, che chiama fulmine, così la morale del volgo distingue anche la forza dalle espressioni della forza, come se dietro il forte esistesse un sostrato indifferente, al quale sarebbe consentito esprimere forza oppure no. Ma non c’è un tale sostrato; non c’è alcun “essere” al di sotto del fare, dell’agire, del divenire; “colui che fa” non è che poeticamente aggiunto al fare – il fare è tutto. Il volgo in fondo duplica il fare, quando c’è il brillare del fulmine, questo è un far-fare: pone lo stesso evento una volta come causa, e poi un’altra volta come effetto di essa. I naturalisti non si comportano meglio, quando dicono “la forza muove, la forza provoca” e simili; – la nostra scienza, a dispetto di tutta la sua freddezza e libertà dagli affetti, sta ancora sotto la seduzione del linguaggio e non si è sbarazzata di questi fanciulli attribuiti falsamente, i “soggetti” (l’atomo per e sempio è un tal fanciullo, parimenti la kantiana “cosa in sé“)

Crediti
 • Friedrich Nietzsche •
 • Genealogia della morale •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ Il caso Nietzsche
361% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Friedrich NietzscheUn nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
151% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯
 ⋯ Arricchire la visione del mondo
108% Adolfo Vásquez RoccaArticoliFilosofia
Negli studi di Derrida e di Ricoeur intorno alla metafora e all’interpretazione, appena si cita Nietzsche, tutto quanto si pensa, si pensa partendo da lui. L’influenza che il pensiero di questo filosofo ha prodotto nella mentalità dell’Occidente è così gr⋯
 ⋯ Perché le cose hanno contorni?
83% ArticoliFilosofiaMaria RocchiRoberto Bertilaccio
Materiali per una riflessione sul “contesto” in Gregory Bateson P: C’era una volta un artista molto arrabbiato che scribacchiava cose di ogni genere, e dopo la sua morte guardarono nei suoi quaderni e videro che in un posto aveva scritto: ‘I savi vedono i⋯
 ⋯ Nicholas Harper ⋯ L’essere diventa traccia
80% FilosofiaJacques Derrida
L’essere si “differenzia” nel linguaggio, si media nel linguaggio, si aliena nel linguaggio, diventa altro da sé, si rende presente ma assente nello stesso tempo, diventa segno, diventa traccia. La verità si trasforma in traccia, si contamina, si intacca ⋯
Tigran TsitoghdzyanChe cosa significa pensare?
63% FilosofiaMartin Heidegger
Se ascoltiamo dunque la domanda “Che cosa significa pensare?” in modo tale che con essa chiediamo: «Che cos’è che si rivolge a noi, chiedendoci di pensare?», allora chiederemo di ciò che raccomanda alla nostra essenza il pensiero e in questo modo fa perve⋯