Il futuro non promette nulla

Le errate interpretazioni, i tentativi illegittimi di rivendicarlo a sé, hanno contribuito dopo la fine della seconda guerra mondiale al pregiudizio contro Nietzsche. Ma in questa autonoma rinuncia a interrogare Nietzsche si gettava via il bambino insieme all’acqua del bagno. Ciò ha provocato un grande spostamento di competenze. La Francia – così come Nietzsche si era augurato – è diventata di colpo la nazione dove lo si è compreso, dove personaggi non sospetti come Sarte e Camus hanno raccolto la sua eredità…alla Francia si è aggiunta l’Italia, il paese preferito di Nietzsche, dove oggi si trovano gli editori delle sue opere complete…oggiogiorno non hanno più credito le critiche che vedono in Nietzsche, più che un filosofo, un intelletto geniale e un artista dello stile. Troppo a fondo è inciso il suo nome nella tavola dei pensatori che hanno contribuito al progresso della storia. Ai classici interrogativi circa Dio, la libertà e l’immortalità egli ha dato risposte che per la forma e il contenuto non è lecito ignorare.
E il futuro? Secondo Nietzsche, nichilista estatico, il futuro non promette nulla per il principio speranza, con la sua fede banale nel crescente benessere dell’umanità: il futuro si è già dato da tempo in Eschilo, Leonardo o Beethoven.

Crediti
 • Horst Althaus •
 • Nietzsche. Una tragedia borghese •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
 ⋯ Il caso Nietzsche
3828% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯

Friedrich NietzscheUn nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
3026% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯

 ⋯ Le origini romantiche della psicoanalisi e l’obiezione di Nietzsche
964% ArticoliPsicologiaUmberto Galimberti
A differenza di tutti i popoli della terra, l’uomo occidentale un giorno ha detto Io. L’ha annunciato Platone e l’ha esplicitato Cartesio. La psicologia ha catturato questa parola e ne ha fatto il centro della soggettività, dispiegando una visione del mon⋯

Renato Guttuso ⋯ LL’anno della rivoluzione
648% Maurice Rapport
Sotto un livido cielo di gennaio, un convoglio di slitte trainate da cavalli avanzava lasciando le sue scie in una pianura imbiancata di neve. La processione si fermò a una sbarra, e i passaporti dei passeggeri vennero esaminati da un sergente; un vecchio⋯

 ⋯ Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
633% ArticoliAutori VariPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯

 ⋯ Il mercantile
589% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯