Il lato oscuro della conoscenza: come la sofferenza avvelena l'esistenzaLa sofferenza apre gli occhi, aiuta a vedere cose che non si sarebbero percepite altrimenti. Quindi non è utile che alla conoscenza e, all’infuori di essa, serve solo ad avvelenare l’esistenza. Il che, sia detto di sfuggita, favorisce anche la conoscenza. ‘Ha sofferto, dunque ha capito’ è tutto quello che si può dire di una vittima della malattia, dell’ingiustizia, o di qualunque altra varietà di sventura. La sofferenza non migliora nessuno (tranne coloro che erano già buoni), e viene dimenticata come viene dimenticata ogni cosa, non entra nel patrimonio dell’umanità, né si conserva in alcun modo, ma si perde come si perde ogni altra cosa.

Ancora una volta, serve solo ad aprire gli occhi.

Crediti
 Emil Cioran
 L'inconveniente di essere nati
 Pinterest •   • 




Quotes per Emil Cioran

Chi ama la mistica, la musica e la poesia è inevitabilmente una natura erotica, un essere voluttuosamente squisito e che, non trovando piena soddisfazione nell'amore, si rivolge a delizie che vanno oltre la vita.  El ocaso del pensamiento

Fallire la propria vita significa accedere alla poesia – senza il supporto del talento.

Non si può riflettere ed essere modesti.
Appena la mente si mette in moto, si sostituisce a Dio e a qualsiasi cosa.
È indiscrezione, usurpazione, profanazione. Non lavora, sconquassa. La tensione che tradisce i suoi procedimenti ne rivela il carattere brutale, implacabile.
Senza una buona dose di ferocia non si può condurre un pensiero sino in fondo.  L'inconveniente di essere nati

Più leggo i pessimisti, più amo la vita. Dopo una lettura di Schopenhauer reagisco come un fidanzato. Schopenhauer ha ragione di sostenere che la vita è soltanto un sogno. Ma dà prova di grave incoerenza quando, invece di incoraggiare le illusioni, le smaschera facendo credere che al di là di esse ci sia qualcosa. Chi potrebbe sopportare la vita, se fosse reale? Sogno, essa è una mescolanza di terrore e di incantamento alla quale si cede.  Lacrime e santi

Da quando sono al mondo quel da quando mi pare gravato di un significato così spaventoso da diventare insostenibile.