⋯  ⋯
Un giorno Sua Eccellenza il Conte andò nei campi a sorvegliare il lavoro dei suoi servi. Essi lavoravano diligentemente da mattina a sera, ma a Sua Eccellenza non parve abbastanza. Il giorno era troppo corto per i suoi gusti. Perciò radunò la gente e disse:
– Il giorno è troppo corto e voi non lavorate abbastanza. Bisognerà allungare il giorno. A chi ci riuscirà darò un ducato d’oro.
Un giovane si fece avanti e disse che aveva inventato una macchina per allungare il giorno. Prese una enorme ruota da carro, fissò la ruota ad un asse, vi aggiunse una manovella, e la macchina fu pronta.
Il Conte scosse la testa e disse:
– Ma questa è solo una ruota con una manovella!
– Certamente, ma è un’ottima macchina. L’unico inconveniente è che dovete girarla voi stesso, altrimenti il giorno non si allungherà. E deve essere girata senza interruzioni, dall’alba al tramonto. – Bene, – disse il Conte, – se non c’è altra soluzione, lo farò io.
E quando i servi andarono al lavoro il mattino dopo il Conte afferrò la manovella e girò la ruota dalla mattina alla sera senza fermarsi. La ruota era larga e pesante e il Conte era sfinito. La schiena gli faceva male, non si sentiva più le braccia e gli sembrava che la sera non venisse mai. Quando finalmente il sole tramontò il giovane andò dal conte e gli chiese:
– Allora, Vostra Eccellenza, era più lungo il giorno?
– Altroché! Lungo come una settimana. Cominciavo a pensare che non finisse mai. È un buona macchina, ma non potrei farla girare a qualcun altro?
– Certamente, chiunque può girarla, ma il giorno non si allungherebbe.
Il Conte meditò per qualche istante poi disse:
– Al diavolo! In questo caso, penso che sia meglio lasciare il giorno corto come prima!
Ma dovette pagare all’inventore il ducato d’oro.

Crediti
 • Anonimo •
  • Il lungo giorno di G. R. •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Sapere di non essere
288% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯
Il caso Nietzsche
245% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Il mercantile
225% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯
Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
192% ArticoliPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯
Un nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
189% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯