Il lungo inverno

I bambini che pensano negli occhi
hanno l’inverno, il lungo inverno. Soli
s’appoggiano ai ginocchi per vedere
dentro lo sguardo illuminarsi il sole.
Di là da sé, nel cielo, le bambine
ai fili luminosi della pioggia
si toccano i capelli, vanno sole
ridendo con le labbra screpolate.
Son passate nei secoli parole
d’ amore e di pietà, ma le bambine
stringendo lo scialletto vanno sole
sole nel cielo e nella pioggia. Il tetto
gocciola sugli uccelli della gronda.


Crediti
 • Alfonso Gatto •
 • Pinterest • Akira Zakamoto  •  •

Similari
⋯Non so perché
72% PoesieSohrab Sepehri
Non so perché la gente dice che i cavalli sono gentili E i colombi sono belli E nessuno invece alleva avvoltoi. Non so perché un bocciolo di trifoglio È considerato più umile di un tulipano rosso. Dobbiamo lavare i nostri occhi Dobbiamo vedere diversament⋯
 ⋯ Diritti erosi
60% Lawrence FerlinghettiPoesieSocietà
Pietà per la nazione i cui uomini sono pecore e i cui pastori sono guide cattive Pietà per la nazione i cui leader sono bugiardi i cui saggi sono messi a tacere Pietà per la nazione che non alza la propria voce tranne che per lodare i conquistatori e accl⋯
Egon Schiele ⋯ La francese
43% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
Una donna intelligente. Una donna bella. Conosceva tutte le varianti, tutte le possibilità. Lettrice degli aforismi di Duchamp e dei racconti di Defoe. In genere con un autocontrollo invidiabile, Tranne quando era depressa e si ubriacava, Cosa che poteva ⋯
Egon Schiele ⋯ La visita al convalescente
40% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
È il 1976 e la Rivoluzione è stata sconfitta ma noi ancora non lo sappiamo. Abbiamo 22, 23 anni. Io e Mario Santiago camminiamo lungo una strada in bianco e nero. Alla fine della strada, in un palazzo che sembra uscito da un film degli anni Cinquanta c’è ⋯
 ⋯ Il corvo e il gabbiano
37% AnonimoPoesie
Mi trascino come un eremitaconsapevole di una verità mendace.Disilluso, piegato dalla fatica.Vesto una maschera di pece.Lottando contro le correnti avverse dell’esistenzaho forgiato la mia tempra, acciaio e ferro la mia sostanza.Pietà per nessuno, questa ⋯
 ⋯ Salirai le scale senza di me
33% Nazim HikmetPoesie
Sotto la pioggia camminava la primavera con i suoi piedi esili e lunghi sull’asfalto di Mosca. Chiuso tra gli pneumatici i motori le stoffe le pelli il mio cardiogramma era pessimo quel giorno quel che si attende verrà in un’ora inattesa verrà tutto da so⋯