Il marchio di una maledizione

In quel pomeriggio di afa e di pioviggine, Clara Barcelò mi rubò il cuore, il respiro e il sonno. Le sue mani, nella magica penombra di quella loggia, impressero sulla mia pelle il marchio di una maledizione che mi avrebbe perseguitato per anni.

Crediti
 • Carlos Ruiz Zafón •
 • L'ombra del vento •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ Parlammo tante altre volte
219% Roberto BolañoSchiele Art
Parlammo tante altre volte. Ci furono settimane in cui la chiamai due volte al giorno, chiamate brevi, ridicole, dove l’unica cosa che volevo dire non gliela potevo dire, e allora parlavo di qualsiasi cosa, la prima cosa che mi venisse in mente, nonsense ⋯
Egon Schiele ⋯ Wall Art and Home DécorAveva il terrore degli incendi
87% Mordecai RichlerSchiele Art
Clara aveva il terrore degli incendi. Ti rendi conto che siamo al quinto piano, e che non avremmo alcuna possibilità di fuga?. Se qualcuno bussava alla porta senza preavviso rimaneva come paralizzata. Gli amici lo sapevano, e si annunciavano sempre. Sono ⋯
Egon Schiele ⋯ Le tue decisioni tragiche
82% Julio CortázarSchiele Art
E sì, pare che sia così, pare che te ne sia andata dicendo non so cosa, che andavi a gettarti nella Senna, qualcosa di simile, una di quelle frasi da notte fonda, mescolate a lenzuola e a bocca impastata, quasi sempre nel buio o con qualcosa come mano o p⋯
Egon Schiele ⋯ LL’abbraccio: opera che parla ai nostri giorni
64% ArticoliDaniel di SchulerSchiele Art
A bocca aperta. Sara rimasto così, Gustav Klimt, vedendo quei fogli dell’album. Come Perugino quando Raffaello gli avrà mostrato quel che papà gli aveva insegnato. Come chi avrà sentire suonare l’ancor più giovane Mozart. Come tutti quelli cui capita di t⋯
Egon Schiele ⋯ Chestnut Tree at Lake ConstanceAssenza, più acuta presenza
62% Frida KahloSchiele Art
La mia notte mi precipita nella tua assenza. Ti cerco, cerco il tuo corpo immenso vicino al mio, il tuo respiro, il tuo odore. La mia notte mi risponde: vuoto; la mia notte mi dà freddo e solitudine. Cerco un punto di contatto: la tua pelle. Dove sei? Dov⋯
Egon Schiele ⋯ La visita al convalescente
51% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
È il 1976 e la Rivoluzione è stata sconfitta ma noi ancora non lo sappiamo. Abbiamo 22, 23 anni. Io e Mario Santiago camminiamo lungo una strada in bianco e nero. Alla fine della strada, in un palazzo che sembra uscito da un film degli anni Cinquanta c’è ⋯