Il nulla come possibilità
In una delle sue forme più coerenti il nichilismo (cfr. “Essenza del nichilismo“) pensa che la totalità degli enti abbia un inizio. Avere un inizio significa, per la totalità, avere un «prima». Se non avesse un «prima», se non fosse nel tempo, sarebbe eterna e non qualcosa che inizia. (O in essa vi sarebbe un eterno da cui ha avuto inizio il resto – ma questa è la prospettiva epistemico-metafisico-teologica, dove il nichilismo non ha ancora raggiunto le proprie forme più coerenti). D’altra parte essere nel tempo, per la totalità degli enti, è non essere la totalità. Appunto per questo il nichilismo intende come nulla il «prima» che precede l’inizio della totalità. Nell’ultimo paragrafo di “Fondamento della contraddizione” si mostra che, essendo necessario che il nulla sia la possibilità di ciò che incomincia ad essere e pertanto la possibilità dell’inizio della totalità degli enti, ed essendo necessario che la possibilità sia un modo di essere, allora, ponendo il nulla come possibilità, si afferma che il nulla è essere. Infatti, nella dimensione del nichilismo, il possibile – sia esso un ente o il nulla – è la possibilità del realizzarsi e intorno al senso del nulla del non realizzarsi, da parte degli enti, la possibilità dell’essere e del nulla (e anche in quella dimensione la possibilità è stata intesa come incontraddittorietà) ; oppure è la possibilità del realizzarsi, ma non unita alla possibilità opposta, e in questo caso è la possibilità implicata dalla «necessità» che qualcosa di non ancora realizzato si realizzi (un caso, questo secondo, che daccapo si presenta nella forma epistemico-metafisica del nichilismo). Ma di entrambi i casi va detto che il possibile non è un nulla, ma una struttura positiva, un ente, sì che intendere il nulla come la possibilità del tutto – come il «prima» dell’inizio del tutto – significa affermare che il nulla è un ente.

Crediti
 • Emanuele Severino •
 • Intorno al senso del nulla •
 • Pinterest • Davide Groppi Nulla •  •

Similari
 ⋯ Il caso Nietzsche
891% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Friedrich NietzscheUn nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
349% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯
 ⋯ Essente nella sua totalità
204% FilosofiaMartin Heidegger
Perché vi è, in generale, l’essente e non il nulla? Ecco la domanda. Non si tratta, presumibilmente, di una domanda qualsiasi. È chiaro che la domanda: “Perché vi è, in generale, l’essente e non il nulla?” è la prima di tutte le domande. Non certo la prim⋯
Elliott Erwitt ⋯ Il tempo e le sue_nostre concezioni
172% ArticoliFilosofiaTommaso Giordani
Interrogarsi sulla natura del tempo, cercando di darne una spiegazione razionale in rapporto alla storia e, perché no, alla nostra quotidianità, è molto complicato. Sebbene la concezione del tempo sia andata trasformandosi nel corso della storia in modo f⋯
 ⋯ La violenza nella storia
160% ArticoliFilosofiaGérard Wormser
Queste genti si percoteano a vicenda non solo con le mani, ma con la testa, col petto, e coi piedi, troncandosi reciprocamente coi denti le membra a brano a brano. • Dante Alighieri • La violenza si presenta come una relazione e non come un oggetto, una c⋯
 ⋯ Arricchire la visione del mondo
158% Adolfo Vásquez RoccaArticoliFilosofia
Negli studi di Derrida e di Ricoeur intorno alla metafora e all’interpretazione, appena si cita Nietzsche, tutto quanto si pensa, si pensa partendo da lui. L’influenza che il pensiero di questo filosofo ha prodotto nella mentalità dell’Occidente è così gr⋯