Il pericolo del ricordo: quando il passato svaniscePer me non c’è niente di più pericoloso del ricordare. Appena io ricordo una cosa della vita, la cosa stessa cessa. Si dice che la separazione aiuta a rinfrescare l’amore. È verissimo, ma lo rinfresca in modo puramente poetico. Vivere nel ricordo è il modo più perfetto di vita che si possa immaginare. Il ricordo sazia più di qualunque realtà, e ha una sicurezza che nessuna realtà possiede. Una situazione della vita ch’è stata ricordata è già entrata nell’eternità e non ha più nessun interesse terreno.

Crediti
 Sören Kierkegaard
 Pinterest •   • 




Quotes per Søren Kierkegaard

Umanamente parlando, la morte è la fine di tutto e, umanamente parlando, c'è speranza soltanto finché c'è vita. Ma in senso cristiano la morte non è affatto la fine di tutto; anch'essa è soltanto un piccolo avvenimento compreso nel tutto ch'è la vita eterna.

Accadde in un teatro che le quinte presero fuoco. Il buffone usci per avvisare il pubblico, credettero che fosse uno scherzo e applaudirono. Egli ripeté l'avviso essi esultarono ancora di più. Così mi figuro la fine del mondo: perirà fra l'esultanza generale degli spiritosi che crederanno si tratti di uno scherzo.

Un uomo può compiere imprese
stupefacenti e assimilare una grande
quantità di conoscenze, eppure non
avere alcuna comprensione di sé.
Ma la sofferenza spinge un uomo
a guardarsi dentro. Se vi riesce,
ecco che là, dentro di lui,
comincia il suo apprendimento.

Nel profondo di ogni essere umano vive ancora l'ansia per la possibilità di essere soli nel mondo, dimenticato da Dio, trascurato tra milioni e milioni in questa enorme famiglia. Si mantiene questa ansia a distanza guardando i tanti round su chi gli sono legati come parenti e amici, ma l'ansia è ancora lì, e non si osa pensare a come si sentirebbe se tutto questo fosse portato via.  Riviste e documenti

Non c'è nulla che spaventi di più l'uomo che prendere coscienza dell'immensità di cosa è capace di fare e diventare.