⋯  ⋯

Il privato-pubblico sono diverse posizioni o modi d’esercizio dell’intersoggettività. L’intersoggettività contiene davanti a sé la trama da cui si sviluppa l’oggettività delle azioni e le istituzioni (come il contesto dell’esistenza e del senso), ed è anche un a priori della soggettività (giacché è sempre un momento costitutivo precedente, genesi passiva). Il matrimonio monogamo, per esempio, è un’istituzione sociale oggettiva (davanti alla coscienza come un oggetto), ed è, allo stesso tempo, (in riferimento alla madre e al padre concreti della soggettività del figlio) ciò che è sotto e prima e che costituisce la soggettività del bambino. La democrazia è un’istituzione politica oggettiva, che dà origine ugualmente alla soggettività tollerante dei cittadini fin dalla culla, come supposto soggettivo; cioè, ogni soggettività è sempre intersoggettività.

Si denominerà privato l’agire del soggetto in una posizione intersoggettiva così che si trovi protetto dalla presenza, dallo sguardo, dall’essere aggredito dagli altri membri dei molteplici sistemi intersoggettivi dei quali forma parte. Sarebbe una pratica esterna al campo politico. Nella relazione privata ci sono sempre partecipanti (almeno due) che non fanno perdere all’altro il carattere privato della relazione. Sono i partecipanti della sfera dei “prossimi”, dei “nostri”, dei “propri”, degli “abituali”, dei “familiari”. È per questo che, sistemicamente e istituzionalmente, si parla frequentemente della famiglia, di coloro che si trovano “entro” le pareti della casa; pareti che ci separano dallo “estraneo”, dall'”alieno”, dall'”esteriore”: degli “elementi”, del “pericoloso”, che ha dovuto terrorizzare nei tempi primordiali l’essere umano.

Il pubblico, al contrario, è il modo che il soggetto adotta come posizione intersoggettiva in un “campo con altri”; modo che permette la funzione di “attore”, i cui “ruoli” o azioni si “rappresentano” davanti allo sguardo di tutti gli altri attori; ruoli definiti a partire dal racconto o dalla narrativa fondante di un certo sistema politico. “Entrare” nella “sfera pubblica” è “uscire” da una sfera privata (privacità dove smette di darsi la scenografia del “teatro”, dell’essere attore e del compiere ruoli; sebbene ci saranno, in qualche maniera, nella sfera privata). Ci sono, quindi, “limiti”, “linee”, recinti, che sono continuamente attraversati, superati, incrociati come compimento delle regole o come trasgressioni.
Il pubblico è l’ambito dell’ostensibile, e per questo il luogo pubblico più possibilmente immaginato è quello dell’assemblea politica dei rappresentanti – visti ed osservati responsabilmente dai rappresentati, che giudicano, con diritto di farlo, se sono correttamente rappresentati i loro interessi. A partire dall'”agorà” greca o il “Maggior Consiglio” di Venezia, la politica è sinonimo di “pubblico”.

Ciò che è operato dal politico (in quanto tale) nell’oscurità non-pubblica è corruzione (in quanto occulta al rappresentato, alla comunità, atti non giustificabili alla luce pubblica). Da parte sua, l'”opinione pubblica” è il mezzo dove si alimenta il pubblico politico.


Crediti
 • Enrique Dussel •
 • Venti tesi di politica •
 • trad. Antonino Infranca •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ Il potere e l’onore
159% ArticoliGiuseppe TortoraPolitica
Quando penso a certi personaggi che hanno popolato le nostre aule parlamentari, non riesco a fare a meno di pensare ad una famosa scena del film «Totò a colori». In treno, in uno scompartimento del vagon-lit, il sospettoso Antonio Scannagatti, musicista i⋯
 ⋯ Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
154% ArticoliAutori VariPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯
Diego Rivera ⋯ Frozen AssetsTeoria politica
150% Andrea ScarabelliArticoliPolitica
Uno dei tratti del nostro disgraziato tempo consiste nella facilità con cui si dispensano etichette, a intellettuali così come a correnti e fenomeni politici. Di destra o di sinistra, populisti o elitisti, progressisti o conservatori… Nella realtà dei fat⋯
⋯  ⋯La corruzione del politico
125% Enrique DusselPolitica
Si dovrebbe tentare, in primo luogo, di dibattere su ciò che il politico “non è”, per liberare positivamente il campo. Il politico non è esclusivamente nessuno dei suoi componenti, bensì tutti insieme. Una casa non è soltanto una porta, né soltanto una pa⋯
⋯  ⋯La fattibilità del potere
95% Enrique DusselPolitica
Le volontà dei membri della comunità unita consensualmente non sono sufficienti per descrivere il potere politico. È ancora necessaria un’ultima determinazione. Per possedere la facoltà del potere, la comunità deve potere usare mediazioni, tecnico-strumen⋯
 ⋯ Vogliate essere liberi, e lo sarete!
81% Michail BakuninPolitica
Cari compagni, vi ho detto la volta scorsa che due grandi avvenimenti storici avevano fondato la potenza della borghesia: la rivoluzione religiosa del sedicesimo secolo, conosciuta col nome di Riforma, e la grande Rivoluzione politica del secolo scorso. Ho⋯