amt79Ef9BMaRhJw
Il viaggiatore s’incammina verso la Cattedrale. Di passaggio entra nella Chiesa dos Clérigos, la guarda poi da fuori, pensa a quanto la città di Porto e il Nord debbano a Niccolò Nasoni, e trova che sia una meschina ricompensa l’aver messo il suo nome lì, all’angolo di una via che non fa in tempo a cominciare che è già finita. Il viaggiatore sa bene come tali riconoscimenti siano raramente proporzionati al debito che intendono pagare, ma a Porto spetterebbero altre maniere di mettere in risalto l’influenza capitale che l’architetto italiano ha avuto nella definizione della stessa fisionomia della città. È giusto che Fernão de Magalhães abbia quel viale. Non meritava di meno chi ha navigato intorno al mondo. Ma Niccolò Nasoni ha tracciato sulla carta viaggi non meno avventurosi: il volto in cui una città si riconosce.
Come doveva essere la Cattedrale di Porto ai suoi primi tempi? Poco meno che un castello, quanto a robustezza e orgoglio militare. Ce lo dicono le torri, quei giganti che arrivano fino all’altezza superiore del rosone. Oggi, gli occhi si sono abituati a questa composita costruzione che ormai si notano a stento l’eccentricità del portale rococò e l’incongruenza delle cupole e dei balaustri delle torri. È comunque la loggia di Nasoni quella che sembra meglio integrata nell’insieme: questo italiano cresciuto ed educato fra maestri di un’altra lingua e un altro modo di pensare, venne qui ad ascoltare che lingua si parlava profondamente nel Nord portoghese, e poi la trasferì alla pietra. Perdonate l’ostinazione: il non capire questo è un grave delitto e una dimostrazione di scarsa sensibilità.

 
Crediti
 • José Saramago
 • Pinterest •   • 

Similari

 ⋯ Il caso Nietzsche
735%  •  ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯


 ⋯ Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
441%  •  ArticoliAutori VariPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯


Gustave Doré ⋯ Elia distrugge i messaggeri di AhaziaCirca la nostra condotta verso noi stessi
414%  •  Arthur SchopenhauerDoré GalleryFilosofia
4.° Il manovale che aiuta a fabbricare un edifizio, non ne conosce il progetto, o non l’ha sempre sotto gli occhi; tale è pure la posizione dell’uomo mentre è occupato a dividere uno per uno i giorni e le ore della sua esistenza in rapporto all’insieme de⋯


 ⋯ Il mercantile
352%  •  IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯


 ⋯ Impero, vent’anni
349%  •  Autori VariPolitica
Vent’anni fa, quando è stato pubblicato il nostro libro Impero, i processi economici e culturali della globalizzazione erano al centro della scena: tutti potevano vedere che stava emergendo qualcosa come un nuovo ordine mondiale. Oggi la globalizzazione è⋯


 ⋯ La scrittura delle donne
326%  •  ArticoliCixous HélèneSocietà
Héléne Cixous rilegge il saggio di Freud sulla Testa di Medusa per rivendicare il potere dell’écriture feminine, della scrittura femminile. Da terrificante e mostruosa, Medusa si trasforma in una figura sorridente e sovversiva in grado di destabilizzare l⋯