⋯
L’arte è ciò che resiste: resiste alla morte, alla servitù, all’infamia, alla vergogna, così diceva Deleuze. Per questo motivo l’artista lavora per piacere. Il lavoro che produce oggetti per soddisfare esigenze – il lavoro sta rimanendo, sempre più, nelle mani dei robot – è lavoro alienante: cioè, lavoro senza piacere. Il fare utile che rende la vita infelice a chi lo fa. Al contrario, la produzione per solo piacere genera arte: inventare ciò che non esiste, immaginare l’inutile.
Il ricercatore pazzo non ha paura dell’errore. Ossessionato dalla sua ricerca, sembra che viva in un mondo sbagliato, in contrasto con la maggioranza. Alla domanda cosa vuole raggiungere o quale è lo scopo, alza le spalle e sorride perché non ha nessuna invenzione utile con cui confutare le critiche di coloro che chiedono un livello minimo di efficienza. Così è il lavoro dell’artista: sembra un errore del sistema. È un punto di fuga verso un altro mondo evanescente: egli non produce ciò che funziona ma fa funzionare ciò che non è ancora finito, ciò che è in corso d’opera.

Crediti
 • Anonimo •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Il caso Nietzsche
465% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
275% ArticoliPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯
Un nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
265% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯
L’essenza del testo
211% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso “Il piacere del testo” analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a “leggere fino a farsi del male! F⋯
Sapere di non essere
157% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯