The Dancer
Tra gli scopi formulati, il più giusto è senz’altro quello di essere padrone di sé, perché, senza questo, nient’altro è possibile. E, in confronto a questo scopo, tutti gli altri non sono che sogni infantili, desideri di cui un uomo non potrebbe fare alcun uso, anche se fossero esauditi.
Qualcuno ha detto, per esempio, che voleva aiutare gli altri. Per essere capaci di aiutare gli altri, occorre innanzitutto imparare ad aiutare sé stessi. Un gran numero di persone, di fronte all’idea di portare un aiuto agli altri, si lasciano prendere da ogni sorta di pensieri e di sentimenti, semplicemente per pigrizia. Sono troppo pigri per lavorare su sé stessi, però li lusinga il pensare di essere capaci di aiutare gli altri. È un modo di essere ipocrita e falso verso sé stessi.
Quando un uomo si vede realmente qual’è, non gli viene in mente di aiutare gli altri – si vergognerebbe di questo pensiero. L’amore per l’umanità, l’altruismo, sono delle belle parole, ma non hanno senso che quando un uomo è capace, seguendo la sua propria scelta e la sua propria decisione, di amare o di non amare, d’essere altruista o egoista.
Allora la sua scelta ha un valore. Ma se non ha scelta, se non può fare diversamente, se è soltanto ciò che il caso ha fatto o sta facendo, oggi altruista, domani egoista e di nuovo altruista dopodomani, che valore può avere?
Per aiutare gli altri, un uomo deve imparare per prima cosa ad essere egoista, un egoista cosciente. Soltanto un egoista cosciente può aiutare gli altri. Così come siamo, non possiamo fare nulla. Un uomo decide di essere egoista, ed ecco che regala la sua ultima camicia. Avendo poi deciso di dare la sua camicia, prende quella dell’uomo al quale voleva darla. Oppure, avendo deciso di dare la sua camicia, vuole dare quella di un altro e va su tutte le furie se l’altro gliela rifiuta. E così va la vita.
Per fare ciò che è difficile, occorre innanzitutto imparare a fare ciò che è facile. Non si può cominciare dal più difficile.

Crediti
 • Georges Ivanovič Gurdjieff •
 • Frammenti di un insegnamento sconosciuto •
  • Leopold Museum, Vienna •
 • SchieleArt •  The Dancer •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ I Will Gladly Endure for Art and My Loved OnesInsegnare è più difficile dell’imparare
35% FilosofiaMartin HeideggerSchiele Art
Insegnare è più difficile dell’imparare perché insegnare significa: far imparare. Chi propriamente insegna non fa imparare nient’altro che questo imparare. Perciò nel rapporto tra insegnante e allievo, quando è un vero rapporto, non entrano mai in gioco n⋯
Egon Schiele ⋯ Quante cose ci sono da imparare
34% Schiele ArtTerence Hanbury White
La cosa migliore da fare quando si è tristi, replicò Merlino, cominciando a soffiare e sbuffare, è imparare qualcosa. È l’unica cosa che non fallisce mai. Puoi essere invecchiato, con il tuo corpo tremolante e indebolito, puoi passare notti insonni ad asc⋯
Egon Schiele ⋯ Le tue decisioni tragiche
32% Julio CortázarSchiele Art
E sì, pare che sia così, pare che te ne sia andata dicendo non so cosa, che andavi a gettarti nella Senna, qualcosa di simile, una di quelle frasi da notte fonda, mescolate a lenzuola e a bocca impastata, quasi sempre nel buio o con qualcosa come mano o p⋯
Egon Schiele ⋯ L’acqua è uguale dappertutto
31% Schiele ArtTiziano Terzani
Io non voglio affatto indicare l’India, l’Oriente in generale come luoghi dove si trovano le soluzioni per l’uomo occidentale. Basta cercare la fonte, poi l’acqua è uguale dappertutto. A me è successo che – essendo nato viaggiatore, esploratore – sono fin⋯
Egon Schiele ⋯ Nudo sdraiatoL’arte dell’imparare
30% Benedetto CroceSchiele Art
Chè anzi ciò che veramente mi parve di avere appreso è l’arte dell’imparare , senza aggregare sterilmente cognizioni a cognizioni con metodo estrinseco: d’imparare, movendo da bisogni interiori, guidato da principii, consapevole delle difficoltà, paziente⋯
Egon Schiele ⋯ Valorizza quello che puoi dare
30% AnonimoSchiele Art
Umano, vedo che stai piangendo perché è arrivato il mio momento. Non piangere, per favore, ti voglio spiegare alcune cose. Tu sei triste perché me ne sono andato, ma io invece sono felice perché ti ho conosciuto. Quanti come me ogni giorno muoiono senza a⋯