Napoleone a Sant'Elena

15 agosto 1769, Ajaccio – Francia 05 maggio 1821, Sant’Elena – Inghilterra.

Tutti nascono anonimi come me, in un’anonima Ajaccio, in un’anonima isola,in un anonimo 15 agosto, di un anonimo 1769, da due anonimi Carlo e Letizia Ramolino; solo dopo diventano qualcuno; e se prima di ogni altra cosa  sono capaci di non deludere se stessi, anche la volontà divina si manifesta nell’uomo.
Dal Memoriale di Sant'Elena

 ⋯ Il Cinque Maggio
Ei fu. Siccome immobile, dato il mortal sospiro, stette la spoglia immemore orba di tanto spiro,   così percossa, attonita la terra al nunzio sta,  muta pensando all’ultima ora dell’uom fatale; né sa quando una simile orma di piè mortale la sua cruenta polvere a calpestar verrà.  Lui folgorante in solio vide il mio genio e tacque;  quando, con vece assidua, cadde, risorse e giacque,   di mille voci al sònito mista la sua non ha: vergin di servo encomio e di codardo oltraggio,  sorge or commosso al sùbito sparir di tanto raggio;  e scioglie all’urna un cantico che forse non morrà.  Dall’Alpi alle Piramidi, dal Manzanarre al Reno,  di quel securo il fulmine tenea dietro al baleno; scoppiò da Scilla al Tanai, dall’uno all’altro mar. Fu vera gloria? Ai posteri l’ardua sentenza: nui chiniam la fronte al Massimo Fattor, che volle in lui del creator suo spirito più vasta orma stampar.   La procellosa e trepida gioia d’un gran disegno,   l’ansia d’un cor che indocile serve, pensando al regno; e il giunge, e tiene un premio ch’era follia sperar; tutto ei provò: la gloria maggior dopo il periglio, la fuga e la vittoria, la reggia e il tristo esiglio; due volte nella polvere, due volte sull’altar.  Ei si nomò: due secoli, l’un contro l’altro armato,  sommessi a lui si volsero, come aspettando il fato;   ei fè silenzio, ed arbitro s’assise in mezzo a lor.  E sparve, e i dì nell’ozio chiuse in sì breve sponda, segno d’immensa invidia e di pietà profonda, d’inestinguibil odio e d’indomato amor.
 
 ⋯ Come sul capo al naufrago l’onda s’avvolve e pesa, l’onda su cui del misero, alta pur dianzi e tesa, scorrea la vista a scernere prode remote invan;  tal su quell’alma il cumulo delle memorie scese.  Oh quante volte ai posteri narrar se stesso imprese,  e sull’eterne pagine cadde la stanca man! Oh quante volte, al tacito morir d’un giorno inerte, chinati i rai fulminei, le braccia al sen conserte,stette,  e dei dì che furono l’assalse il sovvenir! E ripensò le mobili tende, e i percossi valli,   e il lampo dè manipoli, e l’onda dei cavalli,   e il concitato imperio e il celere ubbidir. Ahi! Forse a tanto strazio cadde lo spirto anelo, e disperò; ma valida venne una man dal cielo, e in più spirabil aere pietosa il trasportò;   e l’avviò, pei floridi sentier della speranza, ai campi eterni, al premio che i desideri avanza, dov’è silenzio e tenebre la gloria che passò. Bella Immortal! Benefica Fede ai trionfi avvezza!   Scrivi ancor questo, allegrati; ché più superba altezza  al disonor del Gòlgota giammai non si chinò.   Tu dalle stanche ceneri sperdi ogni ria parola:  il Dio che atterra e suscita, che affanna e che consola, sulla deserta coltrice accanto a lui posò.
Alessandro Manzoni

In tutto il suo percorso artistico Napoleone ha lasciato dietro di sé mille sfaccettature, tutte diverse e tutte uniche: il glorioso, l’eterno, il patriota e tante altre, ma rimane nella nostra memoria, ancora oggi, un uomo solo, al comando, non riuscendo a definirlo ancora nella cerchia “dei buoni o dei cattivi” ma solamente come Napoleone Bonaparte, e tutto questo ci affascina.

 ⋯

Crediti
 • Anna Maria Tocchetto •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ Il Deserto
87% Anna Maria TocchettoArticoli
Vivere certo, è un po’ il contrario di esprimere. Secondo i grandi maestri toscani, è testimoniare tre volte, nel silenzio, nella fiamma e nell’immobilità. Ci vuole molto tempo per capire che i personaggi dei loro quadri, si incontrano ogni giorno nelle v⋯
⋯  ⋯Sexistenza
65% Anna Maria TocchettoFrammentiJean-Luc Nancy
Esiste l’amore in tutta la sterminata estensione del termine, l’amore senza confini, l’amore per l’umanità, il mondo, la musica, il mare o la montagna, la poesia o la filosofia, che è essa stessa amore della sapienza. Non è così? Quest’ultima, a sua volta⋯
 ⋯ Le Mille e una notte
59% Anna Maria TocchettoArticoliTesti
In una città della Persia, ai confini degli Stati di Vostra Maestà, disse Sherazad a Shahriar, vivevano due fratelli, uno dei quali si chiamava Cassim, e l’altro Alì Babà. Poiché il padre aveva lasciato loro soltanto dei beni modesti ed essi li avevano di⋯
 ⋯ Un impensabile scrittore: Vincenzo Rabito
42% Anna Maria TocchettoArticoliLibri
Se all’uomo in questa vita non ci incontro aventure, non ave niente darracontare- E allora raccontiamo, raccontiamolo questo scrittore italiano. Scrittore a sua insaputa, il modo migliore per esserlo davvero, senza voler scrivere o essere scrittori, ma vo⋯
 ⋯ Una frase, un’immagine appena
36% Anna Maria TocchettoArticoli
A volte impiego anni e anni prima di liberare un’immagine… prima di liberarmi di un’immagine che mi ha colpito e fatto soffrire, cioè riflettere su di me tramite essa. Se ci si pensa bene, quando crediamo di soffrire per lo stato di abbandono e di infelic⋯
⋯  ⋯In lotta contro il tempo
34% Autori VariPoliticaSingoli
Il tempo è denaro. Se lanciassimo tutto il denaro del mondo in un implacabile mare di fuoco, il tempo si fermerebbe? Si pietrificherebbe ogni cosa, e l’eternità sfiderebbe immutabilmente i venti? O verrebbe tutto ridotto in cenere e in una manciata di sec⋯