Indagatore di Se Stesso
Le mie domande servono ormai a ossessionare solo me stesso, a farmi spronare dal silenzio che intorno a me è l’unica risposta. Quanto sopporterai ancora che il genere canino, come le tue indagini ti portano a riconoscere con sempre maggiore consapevolezza, taccia e continui per sempre a tacere? Quanto lo sopporterai ancora: è questa, al di sopra di tutte le singole domande, la vera e propria questione vitale, essa è rivolta solo a me e non affligge nessun altro. Purtroppo è una domanda a cui posso rispondere più facilmente che a tutte le altre: è presumibile che io resista fino alla mia fine naturale, all’inquietudine del domandare si oppone sempre più la calma della vecchiaia. Probabilmente morirò in silenzio, circondato dal silenzio, quasi pacificato, e a questa attesa vado incontro preparato. Noi cani abbiamo ricevuto quasi per cattiveria un cuore mirabilmente forte e dei polmoni che non si logorano anzitempo, resistiamo a tutte le domande, anche alle nostre, bastioni del silenzio quali siamo.
Sempre più spesso in questi ultimi tempi ripenso alla mia vita, cercando l’errore decisivo causa di tutto, che forse ho commesso e che non riesco a individuare. Eppure devo averlo commesso, giacché se non l’avessi commesso e ciononostante non avessi raggiunto in seguito all’onesto lavoro di una lunga vita ciò che desideravo, avrei la prova che ciò che desideravo era impossibile e la conseguenza sarebbe la perdita di ogni speranza

Crediti
 • Franz Kafka •
 • Indagini di un cane •
 • SchieleArt • AFP Photo Portrait •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ Domande legittime
121% Heinz von FoesterSchiele Art
La prima convinzione può essere illustrata dalla Metafora dell’imbuto di Norimberga che trae origine da un incisione su legno del diciassettesimo secolo dove si vede una sedia sulla quale è seduto un ragazzo che in testa ha un buco nel quale è infilato un⋯
Franz Kafka ⋯ 1905 circaIl midollo della caninità
67% FrammentiFranz Kafka
Perché rinfacci agli altri di essere taciturni e tu stesso taci? Facile rispondere: perché sono un cane. Essenzialmente chiuso e taciturno, proprio come gli altri, renitente alle mie domande, ostinato per paura. A rigore interrogo forse, almeno da quando ⋯
Egon Schiele ⋯ Dead City III (City on the Blue River)Parla Ipolit, un malato terminale di tisi
64% Fëdor DostoevskijSchiele Art
Evidentemente la mia convinzione che per due settimane non valga la pena di soffrire o abbandonarsi ad alcuna sensazione, ha avuto la meglio sulla mia natura e forse dirige tutti i miei sentimenti. Ma è proprio vero? È forse vero che la mia natura è stata⋯
Egon Schiele ⋯ Le tue decisioni tragiche
59% Julio CortázarSchiele Art
E sì, pare che sia così, pare che te ne sia andata dicendo non so cosa, che andavi a gettarti nella Senna, qualcosa di simile, una di quelle frasi da notte fonda, mescolate a lenzuola e a bocca impastata, quasi sempre nel buio o con qualcosa come mano o p⋯
Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
58% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso “Il piacere del testo” analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a “leggere fino a farsi del male! F⋯
Egon Schiele ⋯ Devo scandire le parole
56% Schiele ArtVito Mancuso
Dopo il terzo segnale in sala si spengono le luci, si apre il sipario ed entra una maschera imprecisata dell’antica commedia dell’arte. «Eccomi qui, davanti a voi, onorato pubblico. Lo sapete? Ora che ho messo piede su questo palcoscenico entrando alla vo⋯