Intrappolato in un buco profondo
Adesso disegno perché a volte mi è impossibile parlare. È come se fossi intrappolato in un buco profondo da cui non riesco più a uscire. Disegno per tentare di liberarmi, anche se so che non succederà.
Il mio cuore e altri buchi neri.

Crediti
 • Jasmine Warga •
 • Pinterest • Joan Miró  •  •

Similari
 ⋯ Non sacrificare la presenza
102% FrammentiRobert Burton
Imparare ad essere presenti internamente – essere lo stato di presenza senza parole – spesso comincia con l’essere silenziosi all’esterno, col parlare di meno. Per esempio parlare meno spesso, meno in fretta, meno energicamente e per periodi di tempo più ⋯

 ⋯ La sofferenza dell’essere bella
64% Alessandro BariccoFrammenti
Elena è una donna sola che vuole tornare a casa. Stanca di essere guardata, di essere additata come causa primordiale di tutte le sciagure o come causa di morte di migliaia di persone, accecate dal vapore velenoso del suo splendore. Ogni volta che si affo⋯

⋯  ⋯Sexistenza
56% Anna Maria TocchettoFrammentiJean-Luc Nancy
Esiste l’amore in tutta la sterminata estensione del termine, l’amore senza confini, l’amore per l’umanità, il mondo, la musica, il mare o la montagna, la poesia o la filosofia, che è essa stessa amore della sapienza. Non è così? Quest’ultima, a sua volta⋯

Erlend Mørk ⋯ Espressione della nostra ignoranza
43% FrammentiPierre Simon De Laplace
Tutti gli eventi, persino quelli che, a causa della loro irrilevanza, non sembrano seguire le grandi leggi della natura, ne sono i risultati tanto necessariamente quanto le rivoluzioni intorno al Sole. Nella nostra ignoranza dei legami che uniscono tali e⋯

⋯ Nikolaj VasilUn balzo e una scivolata
43% FrammentiVladimir D. Nabokov
Gogol’ era una creatura strana, ma il genio è sempre strano; solo il vostro sano scrittore di second’ordine appare al grato lettore un saggio amico di vecchia data che in bell’ordine sviluppa le nozioni sulla vita del lettore stesso. La grande letteratura⋯

 ⋯ Il reale avrà il sopravvento
38% FrammentiJacques Lacan
Sembra stia arrivando anche per gli scienziati il momento dell’angoscia. Nei loro laboratori asettici, avvolti nei loro camici inamidati, questi vecchi bambini che giocano con cose sconosciute, cominciano a domandarsi che cosa può accadere domani, a che c⋯