Egon Schiele ⋯
Com’è amaro, e dolce, nelle notti d’inverno,
vicino al fuoco che fuma e palpita, ascoltare
i ricordi remoti alzarsi piano al canto
delle campane sparse nella bruma!

Invidio la campana dalla gola possente
che, a dispetto degli anni, con alacre vigore
è capace di lanciare il suo grido di fede,
come un vecchio soldato insonne fra le tende.

Io no: s’è crepata la mia anima, e quando
vuole, nelle sue ambasce, popolare di canti
il freddo della notte, la sua voce infiacchita

è come il sordo rantolo del soldato ferito
che in un lago di sangue, sotto un monte di morti,
dimenticato e immobile si sforza di morire.

Crediti
 • Charles Baudelaire •
 • La campana crepata •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
 ⋯ Il caso Nietzsche
1353% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯

 ⋯ Sapere di non essere
852% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯

 ⋯ Il mercantile
673% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯

 ⋯ L’esperienza e la verità
665% Carlo SiniFilosofia
Il dibattito sulla oggettività e il cosiddetto pensiero forte del nuovo realismo ha trovato ampio spazio soprattutto sul quotidiano «la Repubblica». Può essere utile partire di qui, perché è vero che gli articoli di giornale non consentono quella articola⋯

Renato Guttuso ⋯ LL’anno della rivoluzione
609% Maurice Rapport
Sotto un livido cielo di gennaio, un convoglio di slitte trainate da cavalli avanzava lasciando le sue scie in una pianura imbiancata di neve. La processione si fermò a una sbarra, e i passaporti dei passeggeri vennero esaminati da un sergente; un vecchio⋯

 ⋯ Le origini romantiche della psicoanalisi e l’obiezione di Nietzsche
604% ArticoliPsicologiaUmberto Galimberti
A differenza di tutti i popoli della terra, l’uomo occidentale un giorno ha detto Io. L’ha annunciato Platone e l’ha esplicitato Cartesio. La psicologia ha catturato questa parola e ne ha fatto il centro della soggettività, dispiegando una visione del mon⋯