Gustave Doré ⋯ L'agonia nel giardino
Io fui uom d’arme, e poi fui cordigliero,
credendomi, sì cinto, fare ammenda;
e certo il creder mio venìa intero,
se non fosse il gran prete (Papa Bonifacio VIII), a cui mal prenda!

Crediti
 • Dante Alighieri •
  • Guido da Montefeltro: XXVII, 67-70 •
 • Pinterest • Gustave Doré L'agonia nel giardino • The Dore Gallery of Bible Illustrations •

Similari
La tua città, che di colui è pianta
20% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
La tua città, che di colui è pianta che pria volse le spalle al suo fattore e di cui è la ‘nvidia tanto pianta, produce e spande il maladetto fiore c’ha disvïate le pecore e li agni, però che fatto ha lupo del pastore. Per questo l’Evangelio e i dottor ma⋯
Trepidanti statue
14% PoesieWilliam Blake
Piuttosto soffocare un bambino nella culla che cullarlo d’insoddisfatti desideri. Trepidanti statue di sangue vestite, di abiti, e legate per un istante nelle prime luci di Trafalgar Square, a bassa voce scambiano promesse domande, lamenti e grida beffard⋯
Silenziosa luna
13% Giacomo LeopardiPoesieSchiele Art
Che fai tu, luna, in ciel? dimmi, che fai, Silenziosa luna? Sorgi la sera, e vai, Contemplando i deserti; indi ti posi. Ancor non sei tu paga Di riandare i sempiterni calli? Ancor non prendi a schivo, ancor sei vaga Di mirar queste valli? Somiglia alla tu⋯
Un gran tempio con pochi ornamenti
12% Doré GalleryVincenzo Borghini
In Dante veggo essere grandissime e bellissime parti, e le principali tutte che si richieggon a un gran Poema. Che vi sia poi qualche difettuzzo o mancamento, io non lo niego: sia dell’uomo o dell’età, non rileva a questo punto di qual sia più perfetto e ⋯
Un Affetto e la Vita
11% Pier Paolo PasoliniPoesie
Ho un affetto più grande di qualsiasi amore su cui esporre inutilizzabili deduzioni – Tutte le esperienze dell’amore sono infatti rese misteriose da quell’affetto In cui si ripetono identiche. Sono legato da esso poiché me ne impedisce altri. Ma sono libe⋯
Come ‘l ramarro sotto la gran fersa
11% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Come ‘l ramarro sotto la gran fersa dei dì canicular, cangiando sepe, folgore par se la via attraversa, sì pareva, venendo verso l’epe de li altri due, un serpentello acceso, livido e nero come gran di pepe; e quella parte onde prima è preso nostro alimen⋯