⋯

È la folla come fallo, è l’errore di massa. Non l’erranza. È finita quell’erranza, il nomadismo, il pensiero libertino. Dove c’è qualità si muore. Si tocca il filo rosso. Crepi. È corto circuito. Nelle mie rare apparizioni televisive, così come in scena, ho sempre cortocircuitato. Mi è congenito, non spendo nulla, io balbetto, sono parlato, non parlo. Me ne strafotto dei problemi sociali. Non mi riguardano. E questo non si fa. Bisogna mentire. Non si può dire che l’uomo ci fa schifo. Che la razza umana mi ripugna. La specie, la progenitura, la coppia, il condominio, i centri sociali. Tutti piccoli lager. Non hanno il coraggio di ammetterlo. E così la democrazia scagiona i lager perché è tutta un lager. Da cottolengo patriottico. Questa è la mediazione dell’espressione. L’opinione è di massa. Costanzo interroga delle casalinghe, la massa si esprime, santifica il parere della gente comune. Consolatorio. Demagogico. “Vedete c’è chi si fotte di voi, anche voi potete parlare, dire la vostra”. È un teatraccio dei buoni sentimenti, e poi ci sono gli agguati e le bombe fuori teatro per la gente comune. Ma la “gente comune” è un luogo comune. Il buonsenso non può mai essere comune. È sensibilitudine, delicazzitudine. Siamo in pieno Lewis Carroll. Purché nulla accada. I fatti vengono informati. I cormorani dall’Australia spacciati come vittime di Saddam. Questa è la mediazione. Questa è la stampaccia di Stato.

Crediti
 • Carmelo Bene •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ Ogni maternità è mostruoso delitto
27% Carmelo BeneFrammenti
La donna è già catastrofe prenatale prima di diventare ingombro nuziale e poi imbarazzo legale: tua madre che, disinvolta criminale, sospende l’amorazzo con l’estraneo suo marito non più amante per baloccarsi con un piccolo fallo “tutto suo” da allattare,⋯
 ⋯ Quattro chiodi fanno una croce
26% Carmelo BenePolitica
La democrazia è demagogia nella definizione di Hobbes. Come nelle competizioni elettorali di Lewis Carroll, arrivare primi o ultimi è la stessa cosa. Il tema è solo uno, la poltrona. Votare questo o quello è del tutto indifferente. La gente, beata, crede ⋯
 ⋯ L’inconsolabile
22% Cesare PaveseFrammentiTeatro
ORFEO: È andata così. Salivamo il sentiero tra il bosco delle ombre. Erano già lontani Cocito, lo Stige, la barca, i lamenti. S’intravvedeva sulle foglie il barlume del cielo. Mi sentivo alle spalle il frusciò del suo passo. Ma io ero ancora laggiù e avev⋯
Carmelo BeneLa forza instabile non-rappresentativa
19% Gilles DeleuzeTeatro
Ciò che qui si amputa, si sottrae, è tutto il sistema regale e principesco… Operando la sottrazione dei personaggi di Potere o di Stato, Bene dà dunque libero corso alla costituzione dell’uomo di guerra sulla scena, con le sue protesi, le sue difformità⋯
⋯ Pina Bausch ⋯Pina Bausch – la danzatrice fuori dal tempo
13% ArticoliTeatroTino Di Cicco
…una donna che danza e che divinamente cesserebbe d’essere donna se potesse assecondare fino alle nubi il passo che ha eseguito. • Paul Valéry Se tu togli il senso, togli la direzione al tempo, e siccome noi siamo “fatti” di tempo, se togliamo direzione a⋯
 ⋯ Sei tu l’amplesso
13% Carmelo BeneTeatro
L’osceno è per definizione quanto si sottrae al concetto. In quanto al comico non va mai confuso con la commedia o, peggio ancora con il buffo. Così come il sentimento del tragico non va mai confuso con la tragedia. Commedie e buffoni mi noiano e mi ripug⋯