La Canzone Di Prévert
Oh, vorrei tanto che ti ricordassi, questa canzone era la tua… era la tua preferita…
Credo che sia di Prévert e Kosma…
Una volta cadute le foglie, tutto mi torna alla memoria – giorno dopo giorno, gli amori morivano, in realtà non morivano mai -.
Con altri mi sono lasciato andare ma, la loro canzone è monotona e a poco a poco ero sempre più indifferente … ma tanto non c’era niente da fare – poiché ogni volta che le foglie morte ti riportano alla mia memoria – giorno dopo giorno… gli amori morti… non finiscono mai di morire…
Potremo mai sapere dove inizia e quando finisce l’indifferenza?
Passa l’autunno, viene l’inverno, e la canzone di Prévert, questa canzone delle foglie morte, svanisce dalla mia memoria – e quel giorno il mio amore è morto e tutti avranno finito di morire -.

Crediti
 • Jacques Prévert •
 • La Canzone Di Prévert •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ Il caso Nietzsche
1559% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯

 ⋯ Sapere di non essere
895% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯

 ⋯ Il Codice di Hammurabi
806% ArticoliStorieWikipedia
Quando Anu il Sublime, Re dell’Anunaki, e Bel, il signore di Cielo e terra, che stabilirono la sorte del paese, assegnarono a Marduk, il pantocratore figlio di Ea, Dio della giustizia, il dominio su ogni uomo sulla faccia della terra, e lo resero grande f⋯

 ⋯ Il mercantile
688% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯

Renato Guttuso ⋯ LL’anno della rivoluzione
665% Maurice Rapport
Sotto un livido cielo di gennaio, un convoglio di slitte trainate da cavalli avanzava lasciando le sue scie in una pianura imbiancata di neve. La processione si fermò a una sbarra, e i passaporti dei passeggeri vennero esaminati da un sergente; un vecchio⋯

Friedrich NietzscheUn nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
603% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯