⋯

«Era il male oscuro di cui le storie e le leggi e le universe discipline delle gran cattedre persistono a dover ignorare le cause, i modi: e lo si porta dentro di sé per tutto il fulgorato scoscendere d’una vita, più greve ogni giorno, immedicato.»

Nella “Cognizione del dolore” Gadda ricerca le ragioni «oscure e vivide» del suo irreparabile e atroce rancore di figlio dalla natura «difettiva», del suo tetro odio verso l’ipocrita «imbecillagine generale del mondo»: impietosamente e crudelmente confessandosi e rappresentandosi nella tragica «orrida solitudine» dell’hidalgo – ingegnere Gonzalo Pirobutirro. La formazione scientifica e il bisogno di ordine conducono quindi l’ingegnere elettrotecnico Carlo Emilio Gadda a intraprendere, attraverso la scrittura letteraria, un doloroso percorso di conoscenza e di indagine razionale «della universa realtà». Tuttavia questo intento, di per se stesso positivistico e ottocentesco, si vanifica risolvendosi in un quadro tutto novecentesco in cui, dai più diversi punti di vista vengono dipinti, con nera collera, l’inestricabile «garbuglio» interiore del protagonista e il caotico «pasticcio» dell’intera società umana. Né naturalistica né neorealistica né avanguardistica, bensì straordinariamente solitaria, unica e fortemente espressionistica appare la capacità mimetica di Gadda. Ribellandosi ai consueti modi di trascrizione della realtà sulla pagina letteraria, la sua scrittura barocca e grottesca percepisce e ritrae «il barocco e il grottesco» che «albergano già nelle cose», nella natura e nella storia. Con rapidi trapassi dal tragico al comico, dal grottesco al sarcastico, il «fenomenico mondo», nella sua molteplice fluida varietà, nei suoi aspetti più minuti, più bassi turpi sgradevoli e deteriori, dai sogni ai catarri, dalle chimere agli sputi, viene registrato ed insieme brutalmente deformato. E come specchio fedele e deformante del garbuglio universale, sostantivi, verbi e aggettivi vengono caoticamente enumerati e accumulati. Non solo i più diversi registri stilistici, ma anche i più diversi linguaggi — dall’italiano letterario e aulico all’italiano regionale lombardo popolare e borghese, dallo spagnolo ai dialetti meridionali, ai più svariati tecnicismi, arcaismi e neologismi — sono strumento di registrazione oggettiva, ma al tempo stesso parodica e satirica, dell’Italia fascista, tanto chiaramente trasposta nell’immaginario stato sudamericano del Maradagàl. Così accostati e fusi tra loro, i linguaggi e gli stili più disparati implacabilmente demistificano e smascherano quelle meschine ipocrisie «della ritualistica borghese» che, oltrepassando il muro di cinta, oltraggiano il solitario silenzio del protagonista e ne scatenano l’ira più disperata. Giunto infine alla cognizione di un «immedicabile» nevrotico dolore, oramai coscientemente «atterrito dalla vanità vana del nulla», Gadda interrompe la narrazione in circostanze misteriose, lasciando in sospeso questo lirico romanzo, questo capolavoro a cui per tutta la vita, da 1936 al 1970, ha atteso. E al lettore rimangono suoni, suggestioni e terribili e straordinarie emozioni.

Crediti
 • Carlo Emilio Gadda •
 • La cognizione del dolore •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Da Zarathustra a KhomeiniDa Zarathustra a Khomeini
102% ArticoliGerhard SchweizerLibri
La storia della Persia iniziò a Battria e prima ancora che un governatore vi regnasse in nome dei re divini, visse a Battria un uomo che sarebbe diventato, più di qualsiasi altro, una figura determinante per la notorietà della cultura persiana in occident⋯
 ⋯ Il mondo secondo Nietzsche
58% Luis Enrique de SantiagoRecensioni
Il libro di Pavel Kouba, professore di filosofia presso l’Università Carolina di Praga, si dedica allo studio della fenomenologia e all’opera di Husserl e Heidegger; tratta l’impatto del pensiero di Nietzsche nella filosofia moderna, dedicando una special⋯
 ⋯ Il male oscuro
57% Giuseppe BertoLibri
Il forte impatto che il romanzo di Berto ebbe sulla critica, al suo apparire, fu certamente dovuto a una scelta stilistica, che si amalgama sublimemente con il contenuto: il racconto scorre, come una sorta di ininterrotta confessione, e lo stile segue il ⋯
 ⋯ Esistere nei libri
54% FrammentiThomas Bernhard
E se non è la vita e se non è la natura è la lettura, è la vita e la natura della lettura, per lunghi, lunghi periodi sempre solo natura della lettura, vita fatta di libri, di riviste, di tutti i testi possibili, compensare la natura che è stata amputata,⋯
⋯  ⋯Sexistenza
54% Anna Maria TocchettoFrammentiJean-Luc Nancy
Esiste l’amore in tutta la sterminata estensione del termine, l’amore senza confini, l’amore per l’umanità, il mondo, la musica, il mare o la montagna, la poesia o la filosofia, che è essa stessa amore della sapienza. Non è così? Quest’ultima, a sua volta⋯
 ⋯ Un impensabile scrittore: Vincenzo Rabito
49% Anna Maria TocchettoArticoliLibri
Se all’uomo in questa vita non ci incontro aventure, non ave niente darracontare- E allora raccontiamo, raccontiamolo questo scrittore italiano. Scrittore a sua insaputa, il modo migliore per esserlo davvero, senza voler scrivere o essere scrittori, ma vo⋯