La complessità dell'essere
Non cresciamo in modo assoluto, cronologicamente. Talvolta cresciamo in una dimensione, e non in un’altra, in modo discontinuo. Cresciamo parzialmente. Siamo relativi. Siamo maturi in un campo, infantili in un altro. Passato, presente e futuro si mescolano e ci spingono indietro, avanti, o ci fissano nel presente. Siamo fatti di strati, di cellule, di costellazioni. Non buttiamo mai via la nostra infanzia. Non le sfuggiamo mai del tutto. Ne riviviamo dei frammenti attraverso gli altri. Attraverso altri, viviamo degli strati sepolti. Viviamo attraverso le altrui proiezioni di io non vissuti.

Crediti
 Anaïs Nin
 Diario
 SchieleArt •   • 




Quotes per Anais Nin

Andare sulla luna, non è poi così lontano. Il viaggio più lontano è quello all’interno di noi stessi.

Ci sono solo due tipi di libertà nel mondo: la libertà dei ricchi e dei potenti e la libertà dell'artista e del monaco che rinuncia ai suoi possedimenti.

C’era la realtà e c’erano i pensieri.
Tra questi due spazi l’intercapedine della poesia.
Era lì che vivevo, distante e vicinissima,
né sopra, né sotto, ma accanto alle cose.

La vita è un processo del divenire, una combinazione di stati che dobbiamo attraversare. Dove la gente fallisce è che vogliono scegliersi uno stato e restarci. Questo è un tipo di morte.

Se non respiri attraverso la scrittura, se non piangi nello scrivere, o canti scrivendo, allora non scrivere, perché alla nostra cultura non serve.