La struttura della parola è che il soggetto riceve il suo messaggio dall'altro in forma inversa. La verità è l'errore che fugge nell'inganno ed è raggiunto dal fraintendimento.Jacques Lacan
La conformità forzata nella società e la negazione di séLa cosiddetta buona società ammette privilegi d’ogni genere, ad eccezione di quelli spirituali: questi anzi sono merce di contrabbando. Essa ci obbliga a mostrare una pazienza sconfinata verso la stoltezza, la follia, la stravaganza e l’ottusità; i meriti personali per contro debbono chiedere perdono, oppure nascondersi, dal momento che la superiorità intellettuale ferisce per il semplice fatto di esistere, senza che la volontà vi aggiunga nulla. La società chiamata buona (…) non ci permette neppure di essere secondo quanto è conveniente alla nostra natura; essa ci obbliga piuttosto, per armonizzarci con gli altri, a impicciolire o addirittura a deformare noi stessi. In tale società noi dobbiamo quindi rinnegare dolorosamente noi stessi e abbandonare i tre quarti di noi, per renderci simili agli altri.

Crediti
 Arthur Schopenhauer
 Parerga et paralipomena
 SchieleArt •   • 




Quotes per Arthur Schopenhauer

Non ci può essere nessun essere superiore a Buddha Sakia Muni, il vittorioso-perfetto che, figlio nato di re, visse volontariamente da mendicante e predicò sino alla fine la sua alta dottrina, per la salvezza dell’umanità, per liberare noi tutti dalla miseria del continuo rinascere.  Sulla quadruplice radice del principio di ragione sufficiente

Il carattere della prima metà della vita consiste in un'ansia insoddisfatta di felicità, quello della seconda metà si riduce alla preoccupazione dell'infelicità. Nella prima dominano illusioni, sogni e chimere, nella seconda il disinganno in cui la nullità del tutto si rivela. Nella gioventù domina l'intuizione, nella vecchiaia il pensiero, quella è l'epoca della poesia, questa piuttosto della filosofia.

Il simile gode del simile: per essere amati dagli uomini bisognerebbe essere simili a loro.

Aristotele, che dichiara la vita filosofica essere la vita più felice. E ancora riguarda lo stesso tema ciò che dice nella Politica (IV, 11): τον ευδαιμονα βιον ειναι τον χατ'αρετην ανεμποδιατον che, tradotto nel suo significato più profondo, vuol dire: «la vera e propria felicità consiste nel poter esercitare, senza alcun impedimento, le proprie doti eccezionali».  La saggezza della vita

La vita è una cosa spiacevole e io mi sono pro¬posto di passare la mia a rifletterci sopra.