La consapevolezza è potere
Il falso mito del volere è potere. Non il volere, ma la «consapevolezza» è potere.

Il falso mito tanto propagandato da noi in Occidente, in ogni ambito, anche quelli purtroppo della cura mentale, dove necessaria – ancor prima del volere – è una sana predisposizione psichica che includi e badi l’inconscio. Già, perché il motto nevrotico del volere è potere (che ammetterei soltanto in specifici contesti di ambiti lavorativi, dove può svolgere il suo ruolo determinante), spesso osannato da Life-Coach e pseudo psicologi, non tiene conto affatto della realtà fondante che possa permettere realmente, e soprattutto non conflittualmente, il reale volere/potere: l’inconscio. Come la scienza psicologica ci insegna con lo studio delle dinamiche psichiche, ancora prima dell’Io cosciente, ancor prima del Io Voglio, pre-esiste – e permette queste stesse affermazioni – l’inconscio, o in qualunque maniera si voglia chiamare la base su cui si fonda, e su cui sussiste, l’Io. Dunque l’Io, quando afferma di volere, deve fare sempre i conti con questa base da cui è originato, sostentato, alimentato. Voglio e così posso, certo, se l’inconscio e l’interezza della tua psiche – di cui l’Io ne è soltanto una parte – te lo concede fino a laddove è permesso, fino al momento in cui continuare a fare volendo e potendo non diventa così unilaterale da rovinarti la vita, un destino, fino alla sicura insorgenza di disturbi psichici e psicosomatici. C’è un reale Volere, una reale libertà d’azione, che sorge dalla congiunzione del Sé e dell’Io, o dell’inconscio con l’Io. Da questa coniunctio provengono atti, gesti, parole, creazioni, che cambiano una vita, anche nel quotidiano. E il mondo cambia, la nostra vita si rinnova, si trasforma, proprio da qui: dal quotidiano. La volontà non può superare i limiti della sfera psichica; non è in grado di costringere l’istinto, e non ha potere sullo spirito.

Crediti
 • Carl Gustave Jung •
 • Pinterest • Robert Mapplethorpe  •  •

Similari
 ⋯ Basi neurologiche della coscienza
289% ArticoliAutori VariNeuroscienze
Spesso non siamo consapevoli di quelle che sono le ragioni e le cause del nostro comportamento; più indaghiamo nei meandri della mente, più ci si accorge di quanto sia importante e potente il nostro inconscio. L’inconscio, come parte più intima di noi ste⋯
 ⋯ Le origini romantiche della psicoanalisi e l’obiezione di Nietzsche
283% ArticoliPsicologiaUmberto Galimberti
A differenza di tutti i popoli della terra, l’uomo occidentale un giorno ha detto Io. L’ha annunciato Platone e l’ha esplicitato Cartesio. La psicologia ha catturato questa parola e ne ha fatto il centro della soggettività, dispiegando una visione del mon⋯
 ⋯ La società dell’efficienza
117% ArticoliPsicologiaUmberto Galimberti
A settant’anni dalla morte di Freud vien da chiedersi che cosa sopravvive della sua teoria e che cosa invece si è rivelato caduco. È questa una domanda legittima, ma che forse vale solo per le scienze esatte, dove verifiche oggettive e sperimentazioni sem⋯
 ⋯ L’invenzione dell’inconscio
99% ArticoliJacques LacanPsicologia
Il movimento fondamentale dell’insegnamento di Lacan è un ritorno a quella che egli considera l’invenzione principale di Freud: l’inconscio. Lacan sottolinea l’inconscio come invenzione di Freud, nel senso che questi, non è il Cristoforo Colombo della psi⋯
 ⋯ Introduzione all’Antiedipo
95% Alessandro FontanaArticoliPsicologia
Si immagini la storia come una massa globulare, una nebulosa, con oggetti puntuali inegualmente distribuiti e stati d’intensità differenziali: insieme aleatorio e stocastico più che continuo statistico. Il presente allora non sarebbe spesso che la derivat⋯
Tra neuroscienze, psicologia e letteratura, la nascita di unIl cervello raccontato
87% ArticoliNeuroscienzePaolo Pecere
Il rapporto tra l’attività cerebrale e l’identità di una persona è un tema attualissimo, che fin dalle sue prime formulazioni moderne ha messo in questione il ruolo della narrazione: come può collegarsi l’operare dei miliardi di neuroni che compongono il ⋯