La conversione di Bartolomé de las Casas

Bartolomé de las Casas era arrivato in America, appena nove anni dopo il primo viaggio di Colombo, e aveva partecipato alla violenta conquista degli indios Taino. Già come sacerdote, partecipò alla conquista di Cuba, effettuata con sangue e fuoco. Ricevette in pagamento per i suoi servizi, nella sua fattoria, un gruppo di indios che lavoravano per lui. Per 12 anni ci racconta di se stesso: sono molto impegnato e mi sono preso cura delle mie fattorie, come le altre, inviando gli indios dalla mia alle altre, per ottenere oro e fare sementi, approfittandone il più possibile.

Nell’aprile del 1514, gli chiesero di celebrare l’Eucaristia e di predicare il Vangelo. Si preparò considerando le sacre letture. Fu picchiato in modo tale da non poter celebrare la Messa. Il testo che lo impattò è tratto dal libro dell’Ecclesiastico, capitolo 34, versetti dal 18 al 22:

Sacrificare le cose male avute è un’offerta impura: a Dio non piace i doni dei malvagi. L’Altissimo non è contento delle offerte degli empi; né perdona i peccati per quanto numerose siano le vittime. Immola un figlio davanti agli occhi da suo padre, che offre qualcosa a Dio rubandogli ai poveri. La vita dei poveri dipende dal poco pane che hanno; chi lo ruba è un assassino. Uccide il suo prossimo chi si prende il loro sostegno; versa il sangue a chi toglie lo stipendio al bracciante“.

Ho iniziato – continua il sacerdote – a scoprire la miseria e la servitù subite da quella gente (gli indios). Applicando l’uno (il testo biblico) all’altro (la propria situazione), ha scoperto da solo, convinto della stessa verità, che era cecità, ingiustizia e tirannia tutto ciò che era stato commesso nei confronti degli indios (Dalla storia delle Indie, libro III, cap. 79).

E Bartolomé de las Casas, che era il sacerdote, non celebrò la sua messa. Scoprì improvvisamente che il “pane” che intendeva offrire era stato tolto dai poveri; che era assassinare gli indios lo strappare il frutto del loro lavoro. E visto che stava per “dire messa”, disse agli spagnoli che “non potevano essere salvati” se trattavano gli indios in questo modo. Vide il pane macchiato di sangue.

Si racconta che San Francisco Solano, che predicò il Vangelo nel nord dell’Argentina con il suo violino e la cui immagine viene scoperta ogni giorno dai turisti nella gola di Humahuaca, che una volta fu invitato a mangiare con alcuni conquistatori. Quando benedisse il tavolo prese un pezzo di pane, lo strinse tra le mani e il sangue cominciò a scorrere. Il santo disse allora: Questo sangue è quello degli indios. E se ne andò senza mangiare un boccone.

Chi offre a Dio un pane rubato ai poveri, offre a Dio il sangue, la vita, dei poveri. Il povero (l’indio) è il figlio. E Bartolomé sentì di offrire al Padre la stessa vita di suo figlio, che sacrificava il figlio alla presenza di suo Padre. Quando Bartolomé scoprì che il povero era l’indio… quando scoprì che era egli stesso a sfruttare l’indio… quando scoprì che avrebbe offerto il pane rubato ai poveri nell’Eucaristia… non poteva più celebrare l’Eucaristia. In precedenza, liberò i suoi nativi il 15 agosto 1514, e sebbene non avesse un solo centesimo, o dove trovarlo, ma una cavalla che poteva vendere… partì per andare in Castiglia e relatare al Re cosa stava succedendo. Lì iniziò la sua totale resa per la giustizia, che occuperà il resto della sua vita, cinquantadue anni di molte persecuzioni.

Ed è stato in grado di celebrare di nuovo la sua Eucaristia… perché offriva il pane che non toglieva ai poveri. Offriva il pane della giustizia, il pane – frutto della terra e opera dell’uomo – accumulato con la sua opera a favore dei più poveri.

Dio non vuole che gli venga offerta la vita del figlio uccidendolo in sua presenza. Dio vuole la vita dei suoi figli; Ciò che desidera esattamente come offerta è il lavoro per la vita di coloro che soffrono: nutrire gli affamati, ridare la vita ai morenti, aumentare l’aspettativa di vita a chi la sta perdendo, questo è il culto che ama l’Altissimo. Il culto eucaristico può essere ricevuto dal Padre solo se è pane di giustizia, pane che ha tolto la fame, pane distribuito e moltiplicato per soddisfare la fame degli affamati.


Crediti
 • Enrique Dussel •
 • Il pane della celebrazione - segno comunitario di giustizia •
 • Concilium 172, pag. 236 e ss •
 • Pinterest •   •  •
 • Sergio Parilli •

Similari
 ⋯ Il Codice di Hammurabi
367% ArticoliStorieWikipedia
Quando Anu il Sublime, Re dell’Anunaki, e Bel, il signore di Cielo e terra, che stabilirono la sorte del paese, assegnarono a Marduk, il pantocratore figlio di Ea, Dio della giustizia, il dominio su ogni uomo sulla faccia della terra, e lo resero grande f⋯

Pacha MamaXVIII/XX Tesi di politica
75% Enrique DusselPolitica
Il postulato politico nella sfera ecologica – campo delle relazioni dell’essere vivente umano con il suo mezzo fisico-naturale terrestre – si potrebbe enunciare così: Dobbiamo agire in modo tale che le nostre azioni e istituzioni permettano per sempre, pe⋯

 ⋯ XIX/XX Tesi di politica
62% Enrique DusselPolitica
Al di là dell’eguaglianza della Rivoluzione borghese si trova la responsabilità con l’alterità, per i diritti distinti, differenti dell’Altro. Al di là della comunità politica degli eguali (dei bianchi, dei proprietari, del sistema metropolitano, del citt⋯

 ⋯ Chisciotte dei paradossi
40% Eduardo GaleanoStorie
È nata in prigione quest’avventura della libertà. Nel carcere di Siviglia, dove ogni scomodità ha il suo posto e dove ogni triste rumore crea intimità, fu generato Don Chisciotte della Mancha. Il suo papà era in prigione per debiti. Esattamente tre secoli⋯

Aquila guerriera AztecaIl nuovo dio era l’oro
37% Bartolomé de las CasasStorie
 Dice Bartolomé de las Casas nella Brevissima relación de la destrucción de las Indias che un gruppo di indios ha raccontato come segue: Non e solo per questo, ma anche perché hanno un dio che adorano e amano molto, e per averlo qui e poterlo adorare ci s⋯

Enrique Lopez de los RiosXX/XX Tesi di politica
36% Enrique DusselPolitica
Si è posto in maniera inesatta il tema si può cambiare il mondo senza prendere il potere. In primo luogo, il potere non si prende – come se fosse una cosa, un oggetto a portata di mano, un pacchetto ben legato. Il potere è una facoltà della comunità polit⋯