La cucina di Andreas-Salomé
Poche donne, o forse nessun’altra, hanno mai concquistato il mio cuore, e persino la mia mente, quanto Lou Salomé. (Non mi riferisco a lei con il suo nome da sposata, Andreas-Salomé. Come si fa a prendere sul serio il suo matrimonio dopo le sue avventure con Nietzsche, Rilke, Paul Rée, Poul Bjerre e Viktor Tausk? Del resto lei non è mai andata al letto con il marito.) Ho sempre detto molto chiaramente che anche se le ero profondamente legato, e mi consigliavo intimamente con lei sui legami fra me e mia figlia Anna, i miei sentimenti nei suoi confronti, come ho già dichiarato, erano privi della minima traccia di attrazione sessuale. Le malelingue, e sembrano essere state numerose nella nostra professione, si sono meravigliate che – allora quasi sessantenne – le mandassi delle rose, la riaccompagnassi a casa alle due e mezzo di notte, e mi sentissi tutto triste se non veniva alle mie conferenze. La ragione era, adesso ve lo posso dire, il suo meraviglioso modo di cucinare! Avevamo tante ricette segrete da scacmbiarci! Avete visto le sue fotografie, che donna appetitosa davvero! Fianchi larghi, una bellezza carnosa che conosceva l’arte di mangiare bene. Certo, per quel povero diavolo di Nietzsche lei era troppo: lo stesso dicasi per quel mingherlino nevrastenico di Rilke, per non parlare di Paul Rée (autore di un libro noioso sui sentimenti morali) e di Viktor Tausk, i quali entrambi si suicidarono. Io solo ero in grado di apprezzare questa Femme Fatale, perché io solo sapevo che il suo appetito verso la vita era invece era una vita verso l’appetito.

Preparare in un grande piatto olive, salame, pomodori, tonno, sardine, capperi, uova sode e qualche acciuga. Versate sul tutto un po di olio di oliva. Servire con del pane viennese croccante. Nel caso in cui le vostre riunioni, come le nostre, richiedessero qualcosa di più di questo piccolo antipasto Lou, si può preparare un grande antipasto Lou. Questo include degli insaccati di tutti i paesi con i quali la signora Lou era stata, diciamo, in dimistichezza: la carne secca dei Grigioni (Svizzera), la mortadella (italiana), le salsicce del Tirolo (per Rilke), il Braunschweiger (tedesco), salame danese, e un assortimento internazionale di cipolle, cetriolini e condimenti vari.

Crediti
 • James Hillman •
 • La cucina del dottor Freud •
  • Charles Boer •
 • Pinterest •   •  •

Similari
⋯  ⋯Sexistenza
64% Anna Maria TocchettoFrammentiJean-Luc Nancy
Esiste l’amore in tutta la sterminata estensione del termine, l’amore senza confini, l’amore per l’umanità, il mondo, la musica, il mare o la montagna, la poesia o la filosofia, che è essa stessa amore della sapienza. Non è così? Quest’ultima, a sua volta⋯
 ⋯ La sofferenza dell’essere bella
59% Alessandro BariccoFrammenti
Elena è una donna sola che vuole tornare a casa. Stanca di essere guardata, di essere additata come causa primordiale di tutte le sciagure o come causa di morte di migliaia di persone, accecate dal vapore velenoso del suo splendore. Ogni volta che si affo⋯
Salvador Dali ⋯ Spirito di ricerca sull’esistenza
30% FrammentiMaria Russo
Vi è tanto in Nietzsche quanto in Dostoevskij una concezione della libertà come di un dinamismo inarrestabile, che vive di continue contraddizioni e destabilizzazioni e che resiste alla cattura di un concetto o di un sistema. In questo senso, si tratta di⋯
⋯  ⋯Ana era imprevedibile
27% FrammentiJulio Cortázar
Adesso che lo scrivo per altri tutto ciò potrebbe esser stato la roulette o l’ippodromo, ma quel che cercavo non era denaro, a un certo momento avevo cominciato a sentire, a decidere che un vetro del finestrino del metro poteva portarmi la risposta, l’inc⋯
 ⋯ L’inconsolabile
26% Cesare PaveseFrammentiTeatro
ORFEO: È andata così. Salivamo il sentiero tra il bosco delle ombre. Erano già lontani Cocito, lo Stige, la barca, i lamenti. S’intravvedeva sulle foglie il barlume del cielo. Mi sentivo alle spalle il frusciò del suo passo. Ma io ero ancora laggiù e avev⋯
Gigino Falconi ⋯ Cosa vogliono gli altri da me?
20% FrammentiLuciano de Fiore
Il nostro desiderio è dell’altro nella misura in cui siamo portati a desiderare ciò che gli altri desiderano – mode, stili di vita, futuri: nella misura insomma in cui diviene desiderio mimetico (René Girard). Per cui, la domanda originaria del desiderio ⋯