La differenza di pensiero ignora la forma
La perversione affinché sia tale ha bisogno del movimento, nulla è perverso qualora sia fermo, incluso lo stesso pensiero che non può dirsi o dire tale cosa. Metaforicamente parlando, se il cancro è una forma di perversione per il corpo, questo o meglio, il suo funzionamento atto a mantenerlo, lo è per il cancro, poiché ciò che è ordine e bene per l’uno, sono disordine e male per l’altro. La forma dunque, è alquanto opinabile e sempre dipende da quello che è il punto di vista soggettivo, e il moto tende continuamente verso la sopravvivenza della stessa forma. Ora, visto che muoviamo da una stessa struttura di base, siamo tutti, chi più chi meno, immersi nelle stesse dinamiche, per cui, diventa controproducente non l’analisi delle stesse, ma la definizione che poi, fissa un determinato stato come patologico, il nome che a questo si dà, in quanto, molti ne escono segnati per sempre, e tanti altri sempre vi sfuggono, e sono quelli che si credono normali. Allora, se la bellezza è negli occhi di chi guarda, perché la perversione dovrebbe essere altrove? Se non c’è alcunché di perverso in me come potrei riconoscere qualcosa e definirlo perverso? La perversione, come movimento sentito e riconosciuto o no al proprio interno, si esplica in ogni modo fuori, manifestandosi in forme già sancite e bollate come perverse, come pure in altre, dove però l’anormalità non si rileva poiché sono accettate, e dulcis in fundo, in forma di proiezione e di denuncia, di quello stesso movimento che comunque tutti include. Il perverso, infatti, non esiste a priori, non è una forma che esce da sé bella e fatta per modo di dire o brutta che sia, ma è figlio di uno stesso movimento e sistema, che prima contribuisce producendo e poi fa la cernita, etichettando e distinguendo un figlio dall’altro. La differenza di pensiero, è data dal vedere e valutare la forma o muovere sulle dinamiche e l’osservazione di queste, ignorando la forma. È la forma che conta lo sappiamo bene, tant’è che questa può essere creata per ingannare, e le parole son complici, mentre le dinamiche essendo più sfuggenti, sono difficili da cogliere, e questo si sa, e la forma se ne avvantaggia. In pratica, discutere sulle forme eludendo il movimento, è discutere a vuoto, nel senso che nulla cambia e tutto si ripete e giù a discuterne. Per cui, o ci si porta oltre, oppure si continua come sempre, cambiando solo le etichette, scambiandoci i ruoli, e muovendo comunque su un’energia pervertita al nascere, perché questo è, ma ancora non siamo pronti a riconoscerlo, come senza definizioni non saremmo in grado di riconoscere, chi perverte chi, e dove sia in realtà la perversione.

 
Crediti
Similari

 ⋯ Il caso Nietzsche
1155%  •  ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯


 ⋯ Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
683%  •  ArticoliAutori VariPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯


Gustave Doré ⋯ Elia distrugge i messaggeri di AhaziaCirca la nostra condotta verso noi stessi
550%  •  Arthur SchopenhauerDoré GalleryFilosofia
4.° Il manovale che aiuta a fabbricare un edifizio, non ne conosce il progetto, o non l’ha sempre sotto gli occhi; tale è pure la posizione dell’uomo mentre è occupato a dividere uno per uno i giorni e le ore della sua esistenza in rapporto all’insieme de⋯


 ⋯ Sapere di non essere
472%  •  IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯


 ⋯ L’onore
452%  •  Arthur SchopenhauerFilosofia
La discussione sull’onore sarà molto più difficile e molto più lunga di quella sul grado. Prima di tutto dovremo definirlo. Se a tal uopo dicessi: «L’onore è la coscienza esterna, e la coscienza è l’onore interno», la definizione potrebbe forse piacere a ⋯


 ⋯ La scrittura delle donne
411%  •  ArticoliCixous HélèneSocietà
Héléne Cixous rilegge il saggio di Freud sulla Testa di Medusa per rivendicare il potere dell’écriture feminine, della scrittura femminile. Da terrificante e mostruosa, Medusa si trasforma in una figura sorridente e sovversiva in grado di destabilizzare l⋯