La dimensione della metonimia

L’esempio più puro del significante è la lettera, una lettera tipografica. Una lettera non vuol dire niente? Non necessariamente! Pensate alle lettere cinesi per ciascuna delle quali trovate nel dizionario un insieme di significati che non ha niente da invidiare al dizionario che corrisponde alle nostre parole. Che significa? Che cosa voglio dire dandovi questa risposta? Non ciò che si può credere. Poiché vuol dire che la definizione delle lettere cinesi, tanto quanto quella delle nostre parole, ha valore solo come raccolta di usi. Rigorosamente parlando, nessun senso può nascere da un gioco di lettere o di parole se non in quanto si propone come una modificazione del loro uso già stabilito. Ciò implica che ogni significazione acquisita da questo gioco dipende dalle significazioni a cui esso è già stato legato, per quanto le realtà interessate in questa reiterazione siano estranee tra loro. E questo costituisce la dimensione che chiamo della metonimia, che fa la poesia di ogni realismo. Ciò implica, d’altronde, che ogni nuova significazione può generarsi solo dalla sostituzione di un significante a un altro: dimensione della metafora mediante cui la realtà si impregna di poesia. Ecco ciò che accade al livello dell’inconscio e che fa che esso abbia la natura di un discorso, sempre che ci permettiamo di qualificare come discorso un certo uso delle strutture del linguaggio.

 
Crediti
 • Jacques Lacan
 • Pinterest • Li Fangying  • 

Similari

 ⋯ Il caso Nietzsche
768%  •  ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯


Gustave Doré ⋯ Elia distrugge i messaggeri di AhaziaCirca la nostra condotta verso noi stessi
563%  •  Arthur SchopenhauerDoré GalleryFilosofia
4.° Il manovale che aiuta a fabbricare un edifizio, non ne conosce il progetto, o non l’ha sempre sotto gli occhi; tale è pure la posizione dell’uomo mentre è occupato a dividere uno per uno i giorni e le ore della sua esistenza in rapporto all’insieme de⋯


 ⋯ Sapere di non essere
472%  •  IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯


 ⋯ L’onore
453%  •  Arthur SchopenhauerFilosofia
La discussione sull’onore sarà molto più difficile e molto più lunga di quella sul grado. Prima di tutto dovremo definirlo. Se a tal uopo dicessi: «L’onore è la coscienza esterna, e la coscienza è l’onore interno», la definizione potrebbe forse piacere a ⋯


 ⋯ La scrittura delle donne
413%  •  ArticoliCixous HélèneSocietà
Héléne Cixous rilegge il saggio di Freud sulla Testa di Medusa per rivendicare il potere dell’écriture feminine, della scrittura femminile. Da terrificante e mostruosa, Medusa si trasforma in una figura sorridente e sovversiva in grado di destabilizzare l⋯


Friedrich NietzscheUn nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
409%  •  ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯