La felicità nasce dall'umiltà
Qual era dunque il segreto che mi sussurrava Dostoevskij nei Fratelli Karamazov e nelle sue altre grandi opere? Era forse quel suo dirmi in forma comprensibile che avrei provato sempre il bisogno di un Dio, o di una fede alta, e allo stesso tempo dimostrarci che non saremo mai capaci di credere in qualcosa fino in fondo? O l’accettazione dell’idea che dentro di noi vive un demone che agisce contro le nostre convinzioni e i nostri pensieri più intimi? Oppure che, come credevo all’epoca, la felicità nasce non solo dalle passioni più intense e radicate, dai legami più forti e dai pensieri più profondi, ma anche dall’umiltà che è l’esatto opposto di tali ostentati concetti? O intendere che l’uomo è una creatura che oscilla – con molta più foga e indecisione di quanto allora non credessi – tra poli fondamentali come la speranza e la disperazione, l’amore e la ripulsa, il sogno e la realtà? O il convincersi che l’uomo – giusta la sua dimostrazione a proposito del vecchio Karamazov – persino quando piange non è del tutto sincero, e sta recitando la scena del pianto? A scuotere e turbare non è l’offrire da parte di Dostoevskij quelle verità sulla vita, come fossero idee, bensì la sua capacità di dimostrarle attraverso protagonisti e personaggi a tre dimensioni, che danno al lettore l’impressione di essere reali, in carne ed ossa.

Crediti
 • Orhan Pamuk •
 • Altri colori •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
 ⋯ Il caso Nietzsche
863% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯

 ⋯ Delle tavole antiche e delle nuove
370% FilosofiaFriedrich Nietzsche
1. «Qui io siedo ed attendo; mi circondano vecchie tavole infrante, e nuove tavole a metà scritte. Quando giunge la mia ora? — L’ora del mio tramonto, della mia distruzione; giacché una volta ancora io voglio discendere tra gli uomini. Ecco quello che att⋯

 ⋯ Il Codice di Hammurabi
303% ArticoliStorieWikipedia
Quando Anu il Sublime, Re dell’Anunaki, e Bel, il signore di Cielo e terra, che stabilirono la sorte del paese, assegnarono a Marduk, il pantocratore figlio di Ea, Dio della giustizia, il dominio su ogni uomo sulla faccia della terra, e lo resero grande f⋯

 ⋯ Il mercantile
256% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯

 ⋯ Sapere di non essere
255% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯

Friedrich NietzscheUn nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
236% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯