La fissazione del rischio è per sempre?
Tutti sanno che decidere la fine di un amore è sempre un disastro, quali che siano le ottime ragioni che si mettono avanti. Sappiamo dunque intimamente che se l’amore è sempre l’Io ti amo, allo stesso modo è Io ti amo per sempre0. Non abbiamo paura delle parole! La fissazione del rischio è infatti un annuncio di eternità. In un certo senso, tutti gli amori si annunciano eterni: è contenuto nella stessa dichiarazione, ma il problema è allora tutto nella necessità di inserire questa eternità nel tempo. Perché in fin dei conti è questo l’amore: una dichiarazione d’eternità che si deve realizzare e dispiegare come può nel tempo e nel mondo. Una discesa dell’eternità nel tempo. Per questo si tratta di un sentimento così intenso. Senza di esso la vita sarebbe del tutto scolorita, e l’amore resta perciò, in quanto tale, di una potenza straordinaria. Accettiamo allora che l’amore sia l’avverarsi di un mondo di Due. Il figlio come s’iscriverà nella scena di Due che è l’amore? È una questione interessante. Bennaroch sostiene che c’è un momento nell’amore in cui bisogna fare esperienza dell’Uno. Lo chiama il ritorno all’Uno, e la figura simbolica e reale di questo Uno è proprio il figlio: la vera destinazione dell’amore si ha quando c’è anche il figlio, come prova tangibile di questo Uno. Ebbene, io contesto questa considerazione empirista, anche perché questo vorrebbe dire che se mancasse tale carattere dovremmo negare l’amore alle coppie sterili, agli omosessuali, ecc. Ma non è così. E poi, più profondamente, io dico che il figlio fa parte dello spazio d’amore nella misura in cui ne costituisce, come dico io, un punto. Un punto è un momento particolare sul quale un avvenimento si condensa (nb résserrer è anche rafforzare) e deve essere rivissuto, come se ritornasse ma leggermente modificato, spostato, obbligandovi a ridichiararlo. Un punto si ha quando le conseguenze di una costruzione di verità vi obbligano a rifare una scelta radicale, come è accaduto al principio, quando avete accettato e dichiarato l’avvenimento. Bisogna ripetere di nuovo: Accetto questo rischio, lo desidero, lo assumo. La nascita è così al tempo stesso un miracolo e una difficoltà, ed intorno al bambino va dispiegato di nuovo il mondo di Due. Quanto detto non si applica del resto solo ad un figlio. Non esiste l’amore sequenziale, l’amore non procede da solo. Ci sono dei punti, delle prove, delle tentazioni, delle apparizioni nuove e qualche volta bisogna rivivere la scena di Due e trovare i termini di una nuova dichiarazione. Una volta dichiarato, l’amore deve essere anche ridichiarato. Ed è per questo che a volte dà luogo a violente crisi esistenziali, come tutte le procedure di verità.

Crediti
 • Alain Badiou •
 • Pinterest • Antonio Canova  •  •

Similari
⋯ Pietro Canonica ⋯L’amore a zero rischi non esiste
44% Alain BadiouFrammenti
L’amore nasce da un incontro, che è un avvenimento ovvero qualcosa di nuovo e straordinario, di inatteso, che avviene nella nostra vita. Comincia così, con un carattere assolutamente contingente e azzardato. Perché nonostante tutto, il rischio c’è sempre,⋯
⋯ Aurora Zharra ⋯Il sesso non esaurisce l’amore
41% Alain BadiouSocietà
Come sosteneva Lacan, solo con l’amore il soggetto va oltre se stesso, al di là del proprio narcisismo. Nel sesso, voi siete alla fin fine in rapporto con voi stessi, attraverso la mediazione del corpo altrui. L’altro vi serve per scoprire la realtà del p⋯
  ⋯ Roma Town Site
30% PercorsiUldio Calatonaca
Roma, lo dico subito, nell’ultima trentina d’anni è cambiata poco o nulla; o meglio lo ha fatto un po’ in male e un po’ anche in bene. Io, romano che trenta anni fa era ventenne, non capisco cosa è davvero peggiorato: mondezza trasporti sanità delinquenza⋯
Egon Schiele ⋯ Mother with two childrenL’amore significa sposarsi?
27% Alain BadiouSchiele Art
Le fiabe non ci dicono molto, non è così? Nelle fiabe la conclusione recita: Si sposarono ed ebbero molti bambini. D’accordo, ma l’amore significa sposarsi? Significa avere molti bambini? Si tratta di una spiegazione insufficiente e stereotipata. L’idea c⋯
 ⋯Le omissioni fanno testo
26% Javier MarìasPercorsi
Quando si parla della vita di un uomo o di una donna, quando se ne traccia una ricapitolazione o un riassunto, quando se ne racconta la storia o la biografia, in un dizionario o in una enciclopedia o in una cronaca o chiacchierando tra amici, si è soliti ⋯
⋯  ⋯I Mikrogramme e la poesia di Robert Walser
26% Antonio DevicientiPercorsi
L’impressione che si ha nell’ avvicinarsi ai manoscritti dei “microgrammi” walseriani è quella di una pazienza che sembra voler essere la stessa della natura quando quest’ultima, non vista e per così dire silenziosa, lascia accumulare strati su strati di ⋯