⋯
Niente di più miserevole della parola, eppure grazie ad essa ci si apre a sensazioni di felicità, a una dilatazione estrema in cui si è totalmente soli, senza il minimo senso di oppressione. Il supremo raggiunto con il vocabolo, con il simbolo stesso della fragilità.

Crediti
 • Emil Cioran •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ L’esemplare ambiguo
168% Emil CioranLinguaggio
Scrivere è una provocazione, una visione fortunatamente falsa della realtà che ci situa al di sopra di ciò che è e di ciò che ci sembra essere. Rivaleggiare con Dio e persino superarlo con la sola virtù del linguaggio, ecco l’impresa dello scrittore, esem⋯
Loui Jover ⋯ Considerazioni su scrittura e libertà
40% ArticoliGianmarco PinciroliLinguaggio
Kafka e Beckett tra narratività e nichilismo Questo lavoro non è e non intende essere un contributo critico in senso stretto rispetto all’opera letteraria e drammatica di Beckett; intende, invece, provare a render conto di un’ipotesi interpretativa, circa ⋯
 ⋯ Le maschere e il teatro della vita
38% ArticoliClaudio MustacchiLinguaggio
II linguaggio quotidiano associa spesso la metafora della maschera definendo ad essa l’inganno e l’imbroglio. Nel quotidiano ritornano frasi del tipo “togliti la maschera!”, “quel tipo porta sempre una maschera”, “cosa c’è dietro la sua maschera?”. Il ter⋯
Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
31% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso “Il piacere del testo” analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a “leggere fino a farsi del male! F⋯
⋯ Ann George ⋯Occorre ascoltare il silenzio
30% LilaLinguaggio
Le parole sono semplici mezzi di trasporto, trasferiscono energia da un individuo all’altro. Quei mezzi vanno e vengono ma l’energia spesso rimane, e a volte rimane anche a lungo. La parola è un messaggero, è un cartello indicatore, un semplice segnale, è⋯
 ⋯ Slancio verso la prolissità
28% Emil CioranPercorsi
Il silenzio è insostenibile, è più facile rinunciare al pane che al verbo; il moto dello spirito esige parole in massa, senza le quali, avvolto su se stesso, rimugina la sua impotenza. Disgraziatamente l’eloquio scivola nello sproloquio; anche il pensiero⋯