La limitazione della propria aggressività

Siamo ormai d’accordo che nonostante tutto il nostro orgoglio per le nostre conquiste culturali, non ci riesce facile assolvere le richieste di questa civiltà, sentirci a nostro agio in essa, perché le limitazioni pulsionali imposteci significano per noi un grave onere psichico. Ebbene, ciò che abbiamo riconosciuto valido per le pulsioni sessuali vale in uguale e forse maggior misura per le altre pulsioni, quelle aggressive. Sono queste soprattutto che rendono difficile la convivenza degli uomini e che ne minacciano la continuità; la limitazione della propria aggressività è il primo e forse più difficile sacrificio che la società deve esigere dal singolo.[16]

Crediti
 Sigmund Freud
 Introduzione alla psicanalisi
 Pinterest • Pablo Picasso  • 




Quotes per Sigmund Freud

Dove insorge un sintomo, la troviamo anche un'amnesia, una lacuna mnestica.

La massa non conosce né dubbi né incertezze. Corre subito agli estremi, il sospetto sfiorato si trasforma subito in evidenza inoppugnabile, un'antipatia incipiente in odio feroce. […] Pur essendo incline a tutti gli estremi, la massa può venir eccitata solo da stimoli eccessivi. Chi desidera agire su essa, non ha bisogno di coerenza logica fra i propri argomenti; deve dipingere nei colori più violenti, esagerare e ripetere sempre la stessa cosa.  Psicologia delle masse e analisi dell'Io

L'Io è prima di tutto un Io corporeo. Non soltanto un'entità di superficie, ma esso stesso proiezione di una superficie. l'Io è in definitiva derivato da sensazioni corporee, principalmente da quelle che scaturiscono dalla superficie corporea. Può essere dunque concepito come proiezione mentale della superficie del corpo, che rappresenta oltretutto la superficie dell'apparato mentale.

In materia di sessualità oggi noi, uno per uno, siamo, malati o sani, nient'altro che degli ipocriti. Sarebbe un bene per tutti noi se, come risultato di tale onestà generale, venisse raggiunto un certo grado di tolleranza nelle cose sessuali.

La massa non conosce né dubbi né incertezze. Corre subito agli estremi, il sospetto sfiorato si trasforma subito in evidenza inoppugnabile, un'antipatia incipiente in odio feroce. […] Pur essendo incline a tutti gli estremi, la massa può venir eccitata solo da stimoli eccessivi. Chi desidera agire su essa, non ha bisogno di coerenza logica fra i propri argomenti; deve dipingere nei colori più violenti, esagerare e ripetere sempre la stessa cosa.  Psicologia delle masse e analisi dell'Io