Il discorso filosofico, non pretende di sapere, né, pretendendo di sapere, cerca di persuadere l'altro che non sa. Al contrario, esso non smette mai di mettersi alla prova a ogni istante, sia presso colui che lo pronuncia sia presso colui al quale si rivolge.Michel Foucault
La Logica del Linguaggio e i Problemi Filosofici
Questo libro, forse, comprenderà solo colui che già a sua volta abbia pensato i pensieri ivi espressi – o, almeno, pensieri simili -. Esso non è, dunque, un manuale -. Conseguirebbe il suo fine se piacesse ad uno che lo legga e comprenda. Il libro tratta di problemi filosofici e mostra – credo – che la formulazione di questi problemi si fonda sul fraintendimento della logica del nostro linguaggio. Tutto il senso del libro si potrebbe riassumere nelle parole: Quanto può dirsi, si può dir chiaro; e di ciò di cui non si può parlare, su questo si deve tacere. Il libro vuole dunque tracciare al pensiero un limite, o piuttosto – non al pensiero, ma all’espressione dei pensieri: Ché, per tracciare al pensiero un limite, dovremmo poter pensare ambo i lati di questo limite (dovremmo dunque poter pensare quel che pensare non si può). Il limite potrà dunque esser tracciato solo nel linguaggio, e ciò che è oltre il limite non sarà che nonsenso. In che misura i miei sforzi coincidano con quelli d’altri filosofi non voglio giudicare. Ciò che qui ho scritto non pretende già d’essere nuovo, nei particolari; né perciò cito fonti, poiché m’è indifferente se già altri, prima di me, abbia pensato ciò che io ho pensato. Solo questo voglio menzionare, che io devo alle grandiose opere di Frege ed ai lavori del mio amico Bertrand Russell gran parte dello stimolo ai miei pensieri. Se questo lavoro ha un valore, questo consiste in due cose. In primo luogo, pensieri son qui espressi; e questo valore sarà tanto maggiore quanto meglio i pensieri sono espressi. Quanto più s’è colto nel segno. – Qui so d’esser rimasto ben sotto il possibile. Semplicemente poiché la mia forza è troppo ìmpari al compito. – Possano altri venire e far ciò meglio. Invece la verità dei pensieri qui comunicati mi sembra intangibile e definitiva. Sono dunque dell’avviso d’aver definitivamente risolto nell’essenziale i problemi. E, se qui non erro, il valore di questo lavoro consiste allora, in secondo luogo, nel mostrare quanto poco sia fatto dall’essere questi problemi risolti.

Crediti
 Ludwig Wittgenstein
 Tractatus Logico-Philosophicus
  Prefazione
 Pinterest • Oscar Pardo  • 




Quotes per Ludwig Wittgenstein

La voce dell'istinto è sempre giusta in qualche modo, ma non ha ancora imparato a esprimersi esattamente.

«Se un leone potesse parlare non lo capiremmo comunque» - così diceva Wittgenstein - ma penso che se un leone potesse parlare e potesse capire, non sarebbe più un leone. Perché parlando con lui non riusciremmo mai a capire gli altri leoni giacché il nostro leone sarebbe diverso al resto dei leoni della savana, e quindi non ci potrebbe essere di aiuto per capire i leoni.

Chi volesse dubitare di tutto, non arriverebbe neanche a dubitare. Lo stesso giuoco del dubitare presuppone già la certezza.

L'inesprimibile (ciò che mi appare pieno di mistero e che non sono in grado di esprimere) costituisce forse lo sfondo sul quale ciò che ho potuto esprimere acquista significato.

Vogliamo comprendere qualcosa che sta già davanti ai nostri occhi. Perché questo ci sembra, in qualche senso, di non comprendere