⋯
Cercate di sfuggire, a ogni costo, alla tentazione di conferirvi il diploma di vittima. Fra tutte le parti del corpo, quella su cui dovete esercitare la massima vigilanza è il vostro dito indice, perché ha la mania di incolpare.
Un dito puntato è la sigla della vittima ed è il contrario del segno V. Per quanto abominevole possa essere la vostra condizione, cercate di non incolparne qualcuno o qualche cosa: la storia, lo Stato, i superiori, la razza, i genitori, la fase lunare, l’infanzia, l’educazione igienica, eccetera. Il menù è vasto e noioso, e già questa vastità e questa noia dovrebbero indurre l’intelligenza a non scegliere tra i piatti della lista. Nel momento stesso in cui scaricate la colpa da qualche parte, minate la vostra volontà di cambiare le cose, qualsiasi cosa…
Il mondo in cui vi accingete a entrare non ha una buona reputazione. È riuscito meglio sotto l’aspetto geografico e visivo che sotto quello storico e sociale. Comunque, è l’unico mondo disponibile: non esiste alternativa ad esso e se ci fosse non abbiamo alcuna garanzia che sarebbe migliore.
Il mondo può essere per noi – in senso reale e, quel ch’è peggio, in senso metaforico – una giungla e insieme un deserto, una palude. In ogni modo, come ha detto Robert Frost, il miglior modo per venirne fuori è passarci in mezzo. Però, in un’altra poesia, Frost ha anche detto che essere sociali vuol dire essere indulgenti.
Per passarci in mezzo e per esser indulgenti, cercate di non badare troppo a quelli che tenteranno di rendervi la vita impossibile. Ne incontrerete molti, moltissimi – quelli che hanno una veste ufficiale e quelli che si sono nominati da sé. Sopportateli se non potete scansarli, ma date loro il minor peso possibile. Non occupatevi di loro mentalmente o verbalmente; non vantatevi di averli perdonati o dimenticati. Meglio dimenticarli e basta. Ogni atto dei veri nemici, infatti, prende significato e rilievo dal modo in cui voi reagite.

Crediti
 • Josif Brodskij •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
144% ArticoliAutori VariPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯
 ⋯ La scrittura delle donne
136% ArticoliCixous HélèneSocietà
Héléne Cixous rilegge il saggio di Freud sulla Testa di Medusa per rivendicare il potere dell’écriture feminine, della scrittura femminile. Da terrificante e mostruosa, Medusa si trasforma in una figura sorridente e sovversiva in grado di destabilizzare l⋯
 ⋯ Vogliate essere liberi, e lo sarete!
125% Michail BakuninPolitica
Cari compagni, vi ho detto la volta scorsa che due grandi avvenimenti storici avevano fondato la potenza della borghesia: la rivoluzione religiosa del sedicesimo secolo, conosciuta col nome di Riforma, e la grande Rivoluzione politica del secolo scorso. Ho⋯
 ⋯ Ominizzazione e meccanismo mimetico
112% Alessandro StellaArticoliSocietà
Dalla rivalità mimetica al transfert di divinizzazione L’imitazione costituisce il concetto di base di una recente disciplina antropologica, la zooantropologia: per questa scuola, l’imitazione umana degli animali (zoomimesi) sarebbe il modello propulsivo ⋯
Diego Rivera ⋯ Frozen AssetsTeoria politica
77% Andrea ScarabelliArticoliPolitica
Uno dei tratti del nostro disgraziato tempo consiste nella facilità con cui si dispensano etichette, a intellettuali così come a correnti e fenomeni politici. Di destra o di sinistra, populisti o elitisti, progressisti o conservatori… Nella realtà dei fat⋯
 ⋯ Il pensiero eterocentrico
72% ArticoliMonique WittigSocietà
Negli ultimi venti anni, il linguaggio ha dominato i sistemi teorici e le scienze umanistiche, penetrando così, nelle discussioni politiche dei movimenti delle lesbiche e di liberazione delle donne. Si tratta di un campo politico importante, in cui entra ⋯