La mia idea di felicità
Ho vissuto molto, e ora credo di aver trovato cosa occorra per essere felici: una vita tranquilla, appartata, in campagna. Con la possibilità di essere utile alle persone che si lasciano aiutare, e che non sono abituate a ricevere. E un lavoro che si spera possa essere di una qualche utilità; e poi riposo, natura, libri, musica, amore per il prossimo.
Questa è la mia idea di felicità.
E poi, al di sopra di tutto, tu per compagna, e dei figli forse. Cosa può desiderare di più il cuore di un uomo?

Crediti
 • Lev Nikolàevič Tolstòj •
 • La felicità famigliare •
 • Pinterest •   •  •

Similari
  ⋯ Roma Town Site
48% PercorsiUldio Calatonaca
Roma, lo dico subito, nell’ultima trentina d’anni è cambiata poco o nulla; o meglio lo ha fatto un po’ in male e un po’ anche in bene. Io, romano che trenta anni fa era ventenne, non capisco cosa è davvero peggiorato: mondezza trasporti sanità delinquenza⋯

 ⋯ Amare il prossimo e non soffocarlo
42% Lev Nikolàevič TolstòjLibri
Vivere non per i propri bisogni, ma per Dio. Per quale Dio? E cosa si può dire di più insensato di quello ch’egli ha detto? Ha detto che non bisogna vivere per i propri bisogni, cioè che non bisogna vivere per quello che comprendiamo, verso cui siamo attr⋯

Poveri
39% Autori VariPercorsi
Molto spesso si tende a prestare attenzione solo a ciò che è materiale, misurabile quantitativamente. Così siamo portati a considerare la miseria che regna in questa società unicamente dal punto di vista della povertà materiale, in altre parole della manca⋯

⋯ Antonio Canova ⋯La fissazione del rischio è per sempre?
38% Alain BadiouPercorsi
Tutti sanno che decidere la fine di un amore è sempre un disastro, quali che siano le ottime ragioni che si mettono avanti. Sappiamo dunque intimamente che se l’amore è sempre l’Io ti amo, allo stesso modo è Io ti amo per sempre0. Non abbiamo paura delle ⋯

⋯  ⋯Processo di idealizzazione e trasfigurazione
37% Aldo CarotenutoPercorsi
Quel che innanzi tutto si presenta all’attenzione di chi guarda l’immagine femminile che Dante ha tratteggiato, è il ritratto di una donna dallo spessore psicologico intenso e complesso. Francesca è in un certo senso l’anti-Beatrice, una tipologia femmini⋯

⋯ Josephine Sacabo ⋯Ascolto il mio suono, vedo me stesso
37% PercorsiYorgos Thèmelis
Sarò la canzone che ho cantato e fuggirò. Come un suono perduto in mezzo ai suoni, ciò che ho detto, ho fatto, ho disperso, la luce che ho visto, il buio che ho abbracciato. Un pugno di terra, una nuvola di polvere. Sarò sete nella sete, assetato brucerò ⋯