La morte è un fine - non la fine
La visione della vecchiaia sarebbe insopportabile se non sapessimo che la nostra anima giunge in un luogo immune dall’alterazione del tempo e dalla limitazione dello spazio. In quel modo d’essere la nostra nascita è una morte e la nostra morte una nascita. I piatti della bilancia della totalità sono in equilibrio.
La morte non è la fine di tutto, ma soltanto il traguardo dell’esistenza terrena a cui non si può sfuggire e dovrebbe essere vissuto senza alcun timore proprio per poter vivere pienamente il tempo concessoci. Nella fase finale della vita si aspira alla realizzazione totale e ciò sollecita un salto di consapevolezza; presa di coscienza e conoscenza di sé, sono l’essenza e il nocciolo di questo processo. Quando il corpo fisico cessa di funzionare, è possibile che l’identità individuale sì ricongiunga alla psiche sovraindividuale, a quella totalità da cui siamo emersi e in cui eravamo immersi prima di farci pionieri di un’esperimento d’auto coscienza. La psicologia analitica parla di una totalità psichica illuminata dalla coscienza (), quale metà finale del processo di individuazione. Entro questa totalità, l’Io, strumento del conscio e organo della coscienza, è destinato a dissolversi e questo è il nucleo vero dell’angoscia di morte. L’Io non è una categoria psicologica permanente; sgorga dal Sè ed è destinato ad essere riassorbito nel ; la sua è una morte annunciata.
Mi auguri buon viaggio, devo abbandonare tutto e intraprendere un viaggio importante.

Crediti
 • Carl Gustav Jung •
 • Anima e morte •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Tra neuroscienze, psicologia e letteratura, la nascita di unIl cervello raccontato
172% ArticoliNeuroscienzePaolo Pecere
Il rapporto tra l’attività cerebrale e l’identità di una persona è un tema attualissimo, che fin dalle sue prime formulazioni moderne ha messo in questione il ruolo della narrazione: come può collegarsi l’operare dei miliardi di neuroni che compongono il ⋯
 ⋯ Le origini romantiche della psicoanalisi e l’obiezione di Nietzsche
158% ArticoliPsicologiaUmberto Galimberti
A differenza di tutti i popoli della terra, l’uomo occidentale un giorno ha detto Io. L’ha annunciato Platone e l’ha esplicitato Cartesio. La psicologia ha catturato questa parola e ne ha fatto il centro della soggettività, dispiegando una visione del mon⋯
 ⋯ Basi neurologiche della coscienza
148% ArticoliAutori VariNeuroscienze
Spesso non siamo consapevoli di quelle che sono le ragioni e le cause del nostro comportamento; più indaghiamo nei meandri della mente, più ci si accorge di quanto sia importante e potente il nostro inconscio. L’inconscio, come parte più intima di noi ste⋯
 ⋯ La porta della coscienza
81% ArticoliHenri BergsonPsicologia
Nell’uomo, la coscienza è soprattutto intelligenza: avrebbe dovuto, avrebbe potuto essere anche intuizione. Intuizione e intelligenza rappresentano due direzioni opposte dell’attività cosciente: la prima, procede nel senso stesso della vita; la seconda, in⋯
⋯  ⋯Il cristallo si vendica
70% ArticoliJean BaudrillardPsicologia
La psicoanalisi ha privilegiato un aspetto della nostra vita, e ci ha nascosto l’altro. Ha sopravvalutato una delle nostre nascite, la nascita biologica e genitale, e ha dimenticato l’altra, la nascita iniziatica. Ha dimenticato che se ci sono due esseri ⋯
 ⋯ Il successo della filosofia
54% ArticoliPsicologiaUmberto Galimberti
Ogni tanto mi viene il sospetto che la psicoterapia, la cura con la parola, sia nata perché la filosofia ha disertato se stessa e, da pratica di vita, è diventata il mestiere dell’insegnamento. Ora questo mestiere si sta esaurendo, eppure le iscrizioni de⋯