La nascita della televisione(D) I giornali hanno ricordato che il nazismo sognava l’uso generalizzato della t.v. e che solo la guerra distolse le energie tecniche ed economiche dal progetto. La t.v. nacque così, con una signorina tedesca impiegata delle Poste, Ursula Patschke, che [la sera del 22 marzo 1935] apparve in video e annunciò ai dieci apparecchi «ricevitori» esistenti a Berlino che tutto era pronto per «far scendere nei cuori dei camerati del popolo l’immagine del Fürher». Non le sembra un anniversario imbarazzante? Ha sottolineato che la t.v. è nata come strumento di consenso e di dominio.

(R) Nella Germania nazista, come lei diceva, la televisione non fu diffusa su larga scala. Perché la televisione, a differenza della radio, ha bisogno che i ripetitori siano a vista, ha bisogno di grandi impianti e forti investimenti. I francofortesi, quando parlano di masse e «media», non si riferiscono quasi mai alla televisione, bensì alla radio e alle adunate oceaniche. Sono fuggiti da paesi fascisti e nazisti, per cui studiano soprattutto i mezzi impiegati davvero da quelle dittature: Hitler e Mussolini avevano usato ampiamente, oltre alla radio, il cinema di fiction e il documentario. Basti pensare a film come «Scipione l’africano» o a documentari come quelli di Leni Riefenstahl. Sì, la potenza dei media è stata intuita e sfruttata anzitutto dai regimi autoritari e gerarchizzati. La prima stazione radiofonica del mondo è stata quella del Vaticano.
I francofortesi, però, non sono come il Karl Popper degli ultimi anni, che ha già mangiato, digerito e rifiutato la televisione. Vengono da un’esperienza tutta radiofonica. Eppure già la radio appare loro uno spauracchio terribile, un’inedita possibilità di massificazione. D’altronde era vero: prima della radio un predicatore, poniamo il Savonarola, poteva essere ascoltato al massimo da qualche migliaio di persone. Non c’era, tecnicamente, possibilità di maggiore “audience”. Ora si è passati a milioni; in alcuni casi (come le Olimpiadi o lo sbarco sulla luna) addirittura a miliardi.
Tenga conto, per di più, che a metà degli anni cinquanta la radio da noi era ancora un lusso. Ricordo che sotto casa nostra abitava una vecchietta che per tutta la vita, e inutilmente, ha desiderato di possedere un apparecchio radiofonico. A metà degli anni cinquanta arriva anche la televisione, un «medium» che d’improvviso irrompe e agisce con presa inaudita. S’immagini un paese d’inverno: alle cinque è buio, i bar sono chiusi, la gente è a casa… La televisione crea veramente il villaggio globale. All’improvviso dà a tutti la possibilità di entrare dovunque: nelle case di lusso come alla Scala. E all’improvviso Agnelli e un contadino lucano vedono lo stesso telegiornale. Nella gerarchia del mezzo televisivo basta essere utenti per essere uguali agli altri. Personaggi totalmente sconosciuti, poi, diventano idoli all’improvviso. Con due o tre puntate di «Lascia o raddoppia» Mike Bongiorno diventa una star. E si conquista il saggio semiologico di un autore sofisticato come Umberto Eco.

Crediti
 Domenico De Masi
 Ozio creativo
  Conversazione con Maria Serena Palieri
 Pinterest •   • 




Quotes per Domenico De Masi

Gruppi di lavoro come le troupe di Fellini o il team di Enrico Fermi, costituiscono un sistema creativo in cui il tutto è assai più della somma delle singole parti… In una organizzazione creativa ognuno dà il massimo e il meglio di sé.

La vita è stata circoscritta entro capannoni e grattacieli, irrigidita... ha perso colore, flessibilità, creatività, contatti e stimoli. L'adulto e il vecchio hanno imprigionato il bambino che è dentro di noi; il burocrate ha ammazzato il fantasioso e l'intraprendente.

È l'ozio che permette il necessario distacco dai problemi assillanti e consente l'immersione in quella sorta di limbo della mente dove fluttua il plancton della nostra creatività…. l'ozio padre delle arti… creatività e ozio due termini legati inscindibilmente l'uno all'altro.

Il lavoro, ridotto a un settimo della vita adulta, perde centralità; la forza lavoro si femminilizza; l'organizzazione del lavoro richiede più motivazione che controllo, più creatività che burocrazia, più etica che astuzia, più estetica che pratica, più equilibrio vitale che overtime, multitasking e reperibilità.