⋯
Ma questo mondo è stato creato da un Dio? No, forse da un demone. Aristotele ha scritto: “La natura non è divina, ma demoniaca”. Noi potremmo tradurre così: L’inferno è il mondo. Se ci facessimo accompagnare dal più convinto ottimista per gli ospedali, i lebbrosari, le sale operatorie, per le prigioni, le stanze di tortura e le stamberghe degli schiavi, sulle zone di guerra, nei tribunali, e mostrargli poi gli orribili luoghi della povertà, dove essa si rifugia per proteggersi dalla curiosità cinica, e infine invitarlo a guardare nella torre della fame di Ugolino, anche lui alla fine si renderebbe conto, di che tipo sia questo mondo.

Crediti
 • Arthur Schopenhauer •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Il caso Nietzsche
561% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
L’ombra del medioevo tra noi
214% SocietàStefano Rodotà
Quando nel discorso pubblico compare la parola “tortura”, immediatamente si determinano tensioni forti perché essa sfida altre parole, dalle quali sentiamo di non poterci separare come “dignità umana” e “democrazia”. Non sempre è stato così, perché si era⋯
Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
188% ArticoliPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯
Inferno
184% Alberto MaggiMitologia
La parola inferno fa andare in crisi coloro che studiano teologia o la Sacra Scrittura e che sono abituati a parlare di inferno, perché non la trovano nel dizionario biblico. Nella Bibbia non c’è né la parola e neanche l’immagine dell’inferno. Nella vecch⋯
I quattro problemi del “traduttore della lettera”
160% Alberto BramatiArticoli
La traduzione è nella sua essenza plurale etica dell’ascolto. • Antoine Berman • In Occidente la riflessione sulla traduzione si è fin dalle origini caratterizzata per l’opposizione tra il senso e la lettera. Citando Cicerone, Gerolamo (1993, 66) afferma ⋯