PoLa parola poetica è un corpo in movimentortrait de Gherasim
Siamo oltre il linguaggio – e la mia etica fonetica / la getto come un sortilegio / sul linguaggio – perché nella lingua c’è una funzione conservatrice e chi ne fa uso contribuisce a rafforzare il sistema. Essere hors la loi è la ragion d’essere di Ghérasim Luca, nel non essere di nessuna lingua (noman’s langue). Riprendendo con una nuova connotazione l’espressione hasard objectif di Breton, Ghérasim Luca la fa diventare parola-chiave della creazione poetica, abolendo la distanza tra mondo soggettivo e mondo oggettivo. Come l’onda di marea di Hokusai, la parola poetica è un corpo in movimento. Dobbiamo ascoltare la magnifica voce rivoluzionaria di Ghérasim Luca e il suo modo di appoggiarsi sulla sonorità della parola. Non una parola che sia pronunciata senza una ragione assoluta. Un pensiero in atto, soltanto attraverso la voce. Una poesia assoluta e un poeta assolutamente solo. C’è un universo e c’è un linguaggio in cui l’uomo è destinato da sempre a riconoscersi. La letteratura, e la poesia in particolare, sconvolge quest’orizzonte e la sicurezza dell’uomo. Per lungo tempo il linguaggio è stato solo un mezzo, la sua fossilizzazione entro strutture ben definite ha garantito l’immobilità del mondo. La poesia è oggi la problematizzazione stessa del linguaggio, la spinta rivoluzionaria dall’interno del linguaggio. Esprimere l’inesprimibile secondo la formula di Ghérasim Luca. Nuove relazioni appariranno solo in seno ad una sintassi sconvolta. È il linguaggio stesso ad essere messo in discussione: la possibilità di esprimere. Se la lingua è destrutturata,senso-suono e suono-senso non sono più biunivoci «iscritti sulle pareti di un cervello invertito» (Artaud), ma la parola è «vibrazione sonora solidificata», ontologicamente un eco d’essere. Due parole chiave definiscono l’opera di Ghérasim Luca: silensofono e ontofonia. Colui che schiude la parola schiude la materia. Aprire una breccia nella parola, liberare il senso, significa scardinare la realtà, trasmutarla. L’espressione articolata al limite della semplice esclamazione inarticolata. Strane grida articolate,esclamazioni complesse proferite nel buio di cui si prende coscienza quando abbiamo riconosciuto i limiti del nostro universo (H. Heissenbüttel). Distrutta La pesantezza della lingua (i codici), si perviene alla leggerezza del corpo (son corpsléger), anche se questa impresa di distruzione di ogni lingua istituita genera nel poeta il dubbio su una possibile Fine del mondo.

Crediti
 • Alfredo Riponi •
 • Pinterest • Jules Perahim Portrait de Gherasim • 1934 •

Similari
 ⋯ Il linguaggio parla come essenziale
142% LinguaggioMaurice Blanchot
La parola poetica non si oppone più allora soltanto al linguaggio comune ma anche al linguaggio del pensiero. In questa parola non siamo più rinviati al mondo, né al mondo come rifugio, né al mondo come insieme di scopi. In essa, il mondo arretra e gli sc⋯

Ghérasim LucaColui che schiude la parola
139% Gherasim LucaLinguaggio
Mi è difficile esprimermi in linguaggio visivo. Potrebbe esservi nell’idea stessa di creazione – cre-azione – qualcosa, qualcosa che sfugge alla passività di una descrizione che deriva inevitabilmente da un linguaggio concettuale. Nel linguaggio che serve⋯

Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
134% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso Il piacere del testo analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a leggere fino a farsi del male! Fino⋯

 ⋯ Non vi è nulla al di fuori del testo
110% ArticoliDarin McNabbLinguaggio
Già si è detto tutto, ma siccome viviamo dimenticando, bisogna continuare a ripeterlo. La ripetizione non è innocente: produce nuovi effetti. Se si pensa al termine postmoderno, vengono rapidamente in mente persone come Nietzsche, Heidegger, Foucault e De⋯

 ⋯ Le maschere e il teatro della vita
85% ArticoliClaudio MustacchiLinguaggio
II linguaggio quotidiano associa spesso la metafora della maschera definendo ad essa l’inganno e l’imbroglio. Nel quotidiano ritornano frasi del tipo togliti la maschera!, quel tipo porta sempre una maschera, cosa c’è dietro la sua maschera?. Il termine s⋯

 ⋯ Pittura e musica della scrittura
84% Gilles DeleuzeLinguaggio
Lo scrittore, come dice Proust, inventa nella lingua una nuova lingua, una lingua, in qualche modo, straniera. Scopre nuove potenzialità grammaticali o sintattiche. Trascina la lingua fuori dai solchi abituali, la fa delirare. Ma il problema di scrivere n⋯