⋯

E il Signore guardò il Suo mondo e si meravigliò della sua bellezza, così bello le sembrò da farLa piangere. Era un mondo con una sola specie di particelle e una sola forza trasmessa da un messaggero-portatore che era, con divina semplicità, anche la particella stessa.
E il Signore guardò il mondo che Lei aveva creato e vide che era anche noioso. Allora fece un pò di calcoli, sorrise e permise all’Universo di espandersi e raffreddarsi. In questo modo l’Universo divenne meno caldo e Le permise di attivare il suo vero e fedele rappresentante, il campo di Higgs, che prima del raffreddamento non avrebbe potuto sopportare il calore incredibile della creazione.
E allora, sotto l’influenza di Higgs, le particelle succhiarono energia dal campo, la assorbirono e divennero massicce. Ciascuna crebbe a modo suo, non tutte uguali. Qualcuna divenne incredibilmente pesante, altre leggere, alcune rimasero senza massa.
E laddove prima c’era un solo tipo di particella ora ce ne erano dodici, laddove prima c’era un solo portatore dell’unica forza ora c’erano dodici portatori e quattro forze, e laddove prima c’era una bellezza senza significato e senza fine ora c’erano Guelfi e Ghibellini.
E il Signore guardò il mondo che aveva creato e fu scossa da un riso completamente incontrollato. Chiamò Higgs e sopprimendo la gaiezza lo apostrofò bruscamente:
Come ti sei permesso di distruggere la simmetria del mondo?
Higgs, annichilito dal più flebile sospetto di disapprovazione si difese così:
Ma… Capo… Io non ho distrutto la simmetria, la ho nascosta con un artifizio. Certo, così facendo ho reso il mondo davvero complicato.
Chi si poteva aspettare che da un insieme di oggetti identici così poco interessanti avremmo potuto formare nuclei, atomi, molecole, pianeti e stelle?
Chi poteva immaginarsi i tramonti, gli oceani e tutto quel brodo di materiale organico formato da quelle enormi molecole scosse dalla luce e dal calore? E sopratutto chi poteva prevedere l’evoluzione e peggio l’esistenza di quei fisici che cercano continuamente nuovi problemi e addirittura vorrebbero scoprire ciò che, al Tuo Servizio, io ho nascosto con così grande cura!
E il Signore, con tutta la difficoltà di non scoppiare a ridere, lo perdonò e gli diede un cospicuo aumento di stipendio.

Crediti
 • Autori Vari •
 • The god particle •
 • if the universe is the answer, what is the question? •
  • Leon Lederman e Dick Teresi •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Il Codice di Hammurabi
487% ArticoliStorieWikipedia
Quando Anu il Sublime, Re dell’Anunaki, e Bel, il signore di Cielo e terra, che stabilirono la sorte del paese, assegnarono a Marduk, il pantocratore figlio di Ea, Dio della giustizia, il dominio su ogni uomo sulla faccia della terra, e lo resero grande f⋯
Il mercantile
329% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯
Il caso Nietzsche
319% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Sapere di non essere
297% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯
Un nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
206% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯