La particella di Dio

E il Signore guardò il Suo mondo e si meravigliò della sua bellezza, così bello le sembrò da farLa piangere. Era un mondo con una sola specie di particelle e una sola forza trasmessa da un messaggero-portatore che era, con divina semplicità, anche la particella stessa.
E il Signore guardò il mondo che Lei aveva creato e vide che era anche noioso. Allora fece un pò di calcoli, sorrise e permise all’Universo di espandersi e raffreddarsi. In questo modo l’Universo divenne meno caldo e Le permise di attivare il suo vero e fedele rappresentante, il campo di Higgs, che prima del raffreddamento non avrebbe potuto sopportare il calore incredibile della creazione.
E allora, sotto l’influenza di Higgs, le particelle succhiarono energia dal campo, la assorbirono e divennero massicce. Ciascuna crebbe a modo suo, non tutte uguali. Qualcuna divenne incredibilmente pesante, altre leggere, alcune rimasero senza massa.
E laddove prima c’era un solo tipo di particella ora ce ne erano dodici, laddove prima c’era un solo portatore dell’unica forza ora c’erano dodici portatori e quattro forze, e laddove prima c’era una bellezza senza significato e senza fine ora c’erano Guelfi e Ghibellini.
E il Signore guardò il mondo che aveva creato e fu scossa da un riso completamente incontrollato. Chiamò Higgs e sopprimendo la gaiezza lo apostrofò bruscamente:
Come ti sei permesso di distruggere la simmetria del mondo?
Higgs, annichilito dal più flebile sospetto di disapprovazione si difese così:
Ma… Capo… Io non ho distrutto la simmetria, la ho nascosta con un artifizio. Certo, così facendo ho reso il mondo davvero complicato.
Chi si poteva aspettare che da un insieme di oggetti identici così poco interessanti avremmo potuto formare nuclei, atomi, molecole, pianeti e stelle?
Chi poteva immaginarsi i tramonti, gli oceani e tutto quel brodo di materiale organico formato da quelle enormi molecole scosse dalla luce e dal calore? E sopratutto chi poteva prevedere l’evoluzione e peggio l’esistenza di quei fisici che cercano continuamente nuovi problemi e addirittura vorrebbero scoprire ciò che, al Tuo Servizio, io ho nascosto con così grande cura!
E il Signore, con tutta la difficoltà di non scoppiare a ridere, lo perdonò e gli diede un cospicuo aumento di stipendio.

Crediti
 • Autori Vari •
 • The god particle •
 • if the universe is the answer, what is the question? •
  • Leon Lederman e Dick Teresi •
 • Pinterest •   •  •

Similari
La sfera delle stelle fisse
148% AstrofisicaMargherita Hack
Cos’è l’universo? Beh, l’universo è tutto quello che possiamo osservare.Certo che l’universo degli antichi era molto, ma molto più piccolo, molto più casereccio del nostro: c’era la Terra al centro, la Luna, il Sole, i pianeti fissi su delle sfere cristal⋯
Impero, vent’anniImpero, vent’anni
97% Autori VariPolitica
Vent’anni fa, quando è stato pubblicato il nostro libro Impero, i processi economici e culturali della globalizzazione erano al centro della scena: tutti potevano vedere che stava emergendo qualcosa come un nuovo ordine mondiale. Oggi la globalizzazione è⋯
 ⋯ Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
95% ArticoliAutori VariPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯
 ⋯ Basi neurologiche della coscienza
59% ArticoliAutori VariNeuroscienze
Spesso non siamo consapevoli di quelle che sono le ragioni e le cause del nostro comportamento; più indaghiamo nei meandri della mente, più ci si accorge di quanto sia importante e potente il nostro inconscio. L’inconscio, come parte più intima di noi ste⋯
 ⋯ Pensiero neurofilosofico
43% Autori VariNeuroscienze
Tradizionalmente, le teorie dominanti sulla filosofia della mente e le scienze cognitive hanno marginalmente considerato il ruolo del corpo nella situazione ambientale, per comprendere la natura della cognizione. Negli ultimi decenni, diversi autori hanno⋯
 ⋯ Animalia
41% ArticoliAutori VariLibri
Avete sentito: E ciò che è più importante fra i mortali, tutto viene da noi: da noi, gli uccelli. Il minimo che si possa dire è che la ricerca moderna non ha confermato questa ipotesi. Ma bisogna ammetterlo: la ricerca moderna, che pure ha chiarito molti ⋯