Egon Schiele ⋯ Dancer
L’applicazione artistica di Egon Schiele è concentrata essenzialmente sulla figura umana, in particolare su quella femminile, la cui dolcezza è dovuta a una passione per queste modelle, visto il profondo legame che il pittore aveva con loro. A partire dalla sorella Gerti che gli si mostra naturalmente senza veli, e da cui può osservare lo sbocciare di questo corpo di donna, e proseguendo, con Wally Neuzil, ispiratrice di disegni intensamente erotici e musa di alcune grandi figure simboliche. Per finire, quella che sarà anche sua moglie Edith Harms.

Crediti
 • Anonimo •
  • Die Tänzerin •
 • SchieleArt •  Dancer • 1913 •

Similari
La scrittura delle donne
549% ArticoliCixous HélèneSocietà
Héléne Cixous rilegge il saggio di Freud sulla Testa di Medusa per rivendicare il potere dell’écriture feminine, della scrittura femminile. Da terrificante e mostruosa, Medusa si trasforma in una figura sorridente e sovversiva in grado di destabilizzare l⋯
Espressionismo austriaco
337% Edward Lucie-SmithMedia
Egon Schiele, grande rappresentante dell’espressionismo austriaco e uno dei più brillanti disegnatori di tutti i tempi; talento precoce, tanto che fu considerato, da molti dei suoi contemporanei, come il successore predestinato di Gustav Klimt, anche se n⋯
Il caso Nietzsche
235% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
L’abbraccio: opera che parla ai nostri giorni
190% ArticoliDaniel di SchulerSchiele Art
A bocca aperta. Sara rimasto così, Gustav Klimt, vedendo quei fogli dell’album. Come Perugino quando Raffaello gli avrà mostrato quel che papà gli aveva insegnato. Come chi avrà sentire suonare l’ancor più giovane Mozart. Come tutti quelli cui capita di t⋯
Il mercantile
186% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯