⋯
Madre, con l’olio profumato ho dato agio al tuo dolore di spezzarsi. Le mie dita hanno percorso il tuo corpo mentre i tuoi occhi di bambina, fissavano esterrefatti il buio in cui tra poco sarebbero stati costretti a calare. Poi ho spogliato, ti ho strofinato, vestito, pettinato, ricoperta con i bianchi gelsomini del tuo terrazzo. Ti ho spostato nel letto dal lato del papà: adesso dopo vent’anni, ti sei ricongiunta a lui. Amato, amore. Ho accolto e sorriso, tu così amata e rispettata, le centinaia di persone che volevano salutarti, carezzare ancora una volta il tuo viso intatto, scivolare la mano sui capelli ancora biondi e morbidi come seta. Ho stretto mani, ho sorriso, abbracciato. Ancora una volta, bella principessa, eri al centro della festa. Ancora una volta la più bella delle belle. I sei amanti tra gli amati si sono piegati sulla tua bara chiusa. I sei bambini ti hanno sollevato per condurti fino al terrazzo davanti al mare. Ti hanno poggiato sulla terra nuda così come compete a una vera principessa. Poi ceneri alla ceneri. Sei volata sul mare che ci unisce, che ambedue placa e ridà vita. Ho nuotato per te, per un anno. Madre. Mi sono tuffata per te, per un anno. Madre. Con ampie bracciate ho respirato a filo d’acqua, come piace a te. Madre. Mi sono immersa nelle acque di scoglio e nelle acque di spiaggia per te e conte. Ti ho portato sulle mie spalle mare dopo mare, per un anno. Estate, inverno, estate. Per un anno, Madre, ho estinto la mia vita. Sorelle. Abbiamo sistemato la tua confusione, abbiamo sedato, diviso, condiviso il tuo potere materiale. Abbiamo parlato con avvocati, tecnici, geometri e ingegneri. Abbiamo lasciato che le nostre labbra fossero le tue labbra, Madre. Ci hanno baciato la mano, ci hanno trasmesso il tuo potere con le antiche formule dell’Isola. Adesso io in queste strade sono anche te, adesso mi porto il rispetto, parola antica che non mi lascia un istante. Tu sei la mia storia e il mio destino. Madre, oh Madre. Ora, lasciami ti prego. Adesso, proprio nei giorni in cui la nostalgia di te mi sconquassa, giorni in cui la vita no, non è seta ma di nuovo si annoda e riannoda. Ora, Madre, io ti prego, lasciami andare, verso la vita che adesso è mia e di nessun altro.

Crediti
 • Beatrice Monroy •
 • Pinterest • Istvan Sandorfi  •  •

Similari
 ⋯ Tutto scorre
88% Luciano De CrescenzoPercorsi
Guardo una foto di quando avevo sedici anni e ne guardo una d’oggi. Dio, come sono cambiato! Poi mi chiedo: ma quando è successo? Di notte? Mentre dormivo? E come mai il mattino dopo non me ne sono accorto? La verità è che cambiamo al rallentatore, attimo⋯
  ⋯ Roma Town Site
56% PercorsiUldio Calatonaca
Roma, lo dico subito, nell’ultima trentina d’anni è cambiata poco o nulla; o meglio lo ha fatto un po’ in male e un po’ anche in bene. Io, romano che trenta anni fa era ventenne, non capisco cosa è davvero peggiorato: mondezza trasporti sanità delinquenza⋯
Istvan Sandorfi ⋯ L’amore disincarnato
34% Henry MillerPercorsi
In un carcere Clausen s’innamorò di una donna, reclusa pure lei. Non potevano mai parlarsi, mai sfiorarsi neppure le punta delle dita. Ogni tanto si scambiavano un biglietto di contrabbando. Continuò così per cinque anni. La donna aveva ucciso i suoi figl⋯
 ⋯Le omissioni fanno testo
29% Javier MarìasPercorsi
Quando si parla della vita di un uomo o di una donna, quando se ne traccia una ricapitolazione o un riassunto, quando se ne racconta la storia o la biografia, in un dizionario o in una enciclopedia o in una cronaca o chiacchierando tra amici, si è soliti ⋯
Mariarosaria Stigliano  ⋯ I versi sono esperienze
28% PercorsiRainer Maria Rilke
Oh, ma con i versi si fa ben poco, quando li si scrive troppo presto. Bisognerebbe aspettare e raccogliere senso e dolcezza per tutta una vita e meglio una lunga vita, e poi, proprio alla fine, forse si riuscirebbe poi a scrivere dieci righe che fossero b⋯
Raffaello SanzioL’espressione più atea della vita
28% PercorsiVasilij Grossman
C’è, in questa raffigurazione visiva dell’anima di una madre, qualche cosa che la mente umana non riesce a cogliere. La bellezza della Madonna è legata saldamente alla vita terrena. Penso che questa Madonna Sistina sia l’espressione più atea della vita, d⋯