La prigione del corpo
Nell’opera di Egon Schiele il corpo subisce un trattamento che si potrebbe definire ai limiti del sadismo: eccessivamente magro, consunto, contratto, piegato in forme contorte.
Sono uomini (e donne) schizoidi quelli dipinti dall’artista viennese, che, per non sentire più la freddezza e l’ostilità dell’ambiente che li circonda, si torcono in uno spasmo, quasi volessero abbandonare il corpo stesso. È un corpo rinchiuso in una cella stretta e angusta quello che raffigura l’artista, in cui non c’è spazio per muoversi, dove a stento si riesce a respirare.
È un corpo che diviene esso stesso prigione.
È un corpo spesso isolato, immerso nella sua solitudine ed incomunicabilità, così come solo e prigioniero deve essersi sentito Egon sin dalla prima infanzia.
Possiamo immaginarlo sui banchi di scuola, sognatore ed introverso, mentre trascorre il tempo disegnando vagoni e locomotive. Agli occhi delle maestre appare un bambino distratto, non riescono a comprendere ciò che si cela nel suo animo e non perdono occasione per rimproverarlo. Nemmeno i genitori devono essere fieri di lui, vedendo svanire il destino di ingegnere che gli avevano prefigurato. Il padre però, superata l’iniziale reticenza, appoggerà con entusiasmo le sue inclinazioni, lasciando nella vita dell’artista un vuoto incolmabile al momento della sua precoce scomparsa. Nel 1905 infatti Egon Leon Adolf Schiele muore, aprendo nel giovane artista una ferita profonda che però avrà il merito di portare alla luce i temi dominanti della sua opera futura: l’associazione tra sesso, colpa, espiazione, insieme all’ossessione della morte e del declino.

Crediti
 • Egon Schiele •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ LL’abbraccio: opera che parla ai nostri giorni
346% ArticoliDaniel di SchulerSchiele Art
A bocca aperta. Sara rimasto così, Gustav Klimt, vedendo quei fogli dell’album. Come Perugino quando Raffaello gli avrà mostrato quel che papà gli aveva insegnato. Come chi avrà sentire suonare l’ancor più giovane Mozart. Come tutti quelli cui capita di t⋯
Egon Schiele – Gustav Klimt ⋯ Ritratto di donna sul DanubioRitratto di donna sul Danubio
151% Schiele ArtStille Lieder
Il dipinto è documentazione dell’incontro avvenuto tra Egon Schiele e Gustav Klimt nel 1907 – 1908, quando Klimt andò a trovare Schiele nel suo studio a Grünbergstrasse vicino a Schönbrunn e avvenne lo scambio di lavori artistici, periodo in cui Schiele d⋯
Egon Schiele ⋯ Ritratto di WallyDestini incrociati
138% Schiele ArtWikipedia
Nel 1907 il Caffè Museum di Vienna è il teatro di un incrocio destinato a segnare la storia dell’arte: il pittore Gustav Klimt, al tempo quarantacinquenne, incontra il giovanissimo Egon Schiele, anche lui appassionato di pittura. Malgrado i 28 anni che li⋯
 ⋯ Il Codice di Hammurabi
107% ArticoliStorieWikipedia
Quando Anu il Sublime, Re dell’Anunaki, e Bel, il signore di Cielo e terra, che stabilirono la sorte del paese, assegnarono a Marduk, il pantocratore figlio di Ea, Dio della giustizia, il dominio su ogni uomo sulla faccia della terra, e lo resero grande f⋯
Egon Schiele ⋯ Nude girl, folding her arms across her chestTutto nella vita è morte
104% Laura CorchiaSchiele Art
Inquieto, pessimista e dotato di un eccezionale vitalismo grafico, Egon Schiele affida al suo diario la sua concezione del mondo. Nato a Tulln nel 1890, il pittore austriaco è stato esponente assoluto del primo espressionismo viennese. Alla morte del padr⋯
Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
77% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso “Il piacere del testo” analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a “leggere fino a farsi del male! F⋯