La quasi totalità delle persone nutre solo il corpo
Il digiuno fisico è superficiale. Ciò che conta è il digiuno del pensiero, non assorbire pensieri inutili – pensieri riversati per tutto il giorno da media, televisione, giornali, romanzi.
E, ancora più importante: il digiuno del cuore – digiuno dell’affettività, del rancore, della critica, dell’odio, del sapere.
Stare davvero tranquillo, davvero a freddo. Non intervenire nel mondo ma lasciarlo vivere in noi. Questo digiuno è l’unico vero digiuno.
Il digiuno del pensiero ne è una conseguenza. A volte il digiuno del corpo può presentarsi come un prolungamento del digiuno del pensiero.
Se cancellate gli alimenti fisici e continuate a nutrirvi di tutti gli alimenti nocivi della nostra società – speranze, aspettative e rimpianti – questo cibo è molto più dannoso di tutti i grassi, zuccheri e proteine animali da cui si cerca di preservarsi.
Il vero digiuno è il digiuno del cuore. Smettere di chiedere, chiedere, chiedere qualsiasi cosa. Smettere di voler essere considerato, di voler essere trattato in modo speciale: non chiedere nulla.
E, soprattutto, smettere di immaginare di essere aggredito, violentato da una situazione. Smettere di immaginarsi che, perché l’ambiente non mi ama come vorrei, sono aggredito. Aggredito da uno sguardo, un gesto, una parola, una presenza, un’idea, una razza, un modo di vivere, una religione diversa…
Il vero digiuno è digiunare da questa pretesa di aggressione… finché non mi rendo conto che nulla può aggredirmi, se non la mia stessa pretesa. Se digiuno dalla mia pretesa, divento inaggredibile.
Digiuno del pensiero o digiuno del cuore: l’essenza del digiuno è la non attività. Non c’è niente da fare È una suprema abdicazione, un’offerta alla nostra natura profonda.
Vivo questo riconoscimento della mia nullità nel fare qualsiasi cosa: questo è il senso spirituale del digiuno.

Crediti
 • Eric Baret •
 • SchieleArt •   •  •

Similari

 ⋯ Il caso Nietzsche
1031% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯


Gustave Doré ⋯ Elia distrugge i messaggeri di AhaziaCirca la nostra condotta verso noi stessi
578% Arthur SchopenhauerDoré GalleryFilosofia
4.° Il manovale che aiuta a fabbricare un edifizio, non ne conosce il progetto, o non l’ha sempre sotto gli occhi; tale è pure la posizione dell’uomo mentre è occupato a dividere uno per uno i giorni e le ore della sua esistenza in rapporto all’insieme de⋯


 ⋯ L’esperienza e la verità
436% Carlo SiniFilosofia
Il dibattito sulla oggettività e il cosiddetto pensiero forte del nuovo realismo ha trovato ampio spazio soprattutto sul quotidiano «la Repubblica». Può essere utile partire di qui, perché è vero che gli articoli di giornale non consentono quella articola⋯


 ⋯ Sapere di non essere
430% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯


 ⋯ L’onore
405% Arthur SchopenhauerFilosofia
La discussione sull’onore sarà molto più difficile e molto più lunga di quella sul grado. Prima di tutto dovremo definirlo. Se a tal uopo dicessi: «L’onore è la coscienza esterna, e la coscienza è l’onore interno», la definizione potrebbe forse piacere a ⋯


Egon Schiele ⋯ Circa la nostra condotta verso gli altri
373% Arthur SchopenhauerFilosofiaSchiele Art
21.° Per mettersi fra la gente è utile portar seco una buona provvista di circospezione e d’indulgenza; la prima ci garantirà dai danni e dalle perdite, l’altra dalle contese e dagli alterchi. Chi è chiamato a vivere fra gli uomini non deve respingere in ⋯