Egon Schiele ⋯
…Baudelaire ha minor rigore, ma è un uomo di genio. Creerà il giardino del male in cui il delitto costituirà soltanto una specie più rare di altre…Perfino il conformismo, in Baudelaire, sa di delitto. Se si è scelto De Maistre a maestro di raziocinio, è in quanto questo conservatore va fino in fondo e impernia la sua dottrina sulla morte e sul carnefice. ‘Il vero santo’, finge di pensare Baudelaire, ‘è colui che frusta e uccide il popolo per il bene del popolo’. Sarà esaudito. La razza dei veri santi comincia a diffondersi sulla terra per consacrare queste curiose conclusioni della rivolta. Ma Baudelaire, nonostante il suo arsenale satanico, la sua predilezione per Sade, le sue bestemmie, restava troppo teologo per essere un vero ribelle. Il suo vero dramma, che l’ha reso il più grande poeta del suo tempo, era altrove.

Crediti
 • Albert Camus •
 • L'uomo in rivolta •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Il caso Nietzsche
369% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Da Zarathustra a Khomeini
288% ArticoliGerhard SchweizerLibri
La storia della Persia iniziò a Battria e prima ancora che un governatore vi regnasse in nome dei re divini, visse a Battria un uomo che sarebbe diventato, più di qualsiasi altro, una figura determinante per la notorietà della cultura persiana in occident⋯
Nemici del popolo
194% ArticoliAutori VariSocietà
Una delle tante ridicole credenze degli sventurati è che le loro miserie debbano necessariamente suscitare simpatia. Questa è davvero la più tenace delle loro convinzioni. Non è mai troppo sbagliato dimostrare, nel loro stesso interesse, fino a che punto ⋯
La rivolta nella poesia
152% Albert CamusLettere
Su Rimbaud è stato detto tutto, e anche di più, purtroppo. Preciseremo tuttavia, perché questa precisazione riguarda il nostro tema, che Rimbaud non è stato il poeta della rivolta se non nella sua opera. La sua vita, lungi dal legittimare il mito che ha s⋯
Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
144% ArticoliPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯