⋯
La rivoluzione non è nel libro che si stai leggendo. La rivoluzione non è nel documentario che stai vedendo. La rivoluzione non è nel sito che stai guardando. La rivoluzione non è nelle immagini dei social network. La rivoluzione non è nell’organizzazione, nel gruppo, … di cui fai parte. La rivoluzione non è nelle idee che hai in testa. La rivoluzione non è in quello che dici. La rivoluzione non è in ciò che chiedi di fare. La rivoluzione non è nel domani. La rivoluzione non è in quello che è o in quello che deve accadere…
La rivoluzione è in te. La rivoluzione è in quello che fai. In quello che fai ogni giorno. La rivoluzione è nelle tue azioni di oggi, dal momento in cui ti svegli fino a quando vai a letto. La rivoluzione è in ciò che scegli, in ciò che fai, in come lo fai; in perché lo fai, ogni giorno, ogni ora, ogni minuto della tua vita. La rivoluzione è nelle tue azioni, nei tuoi atteggiamenti, nei tuoi comportamenti; nella consapevolezza e coerenza dell’oggi, dell’adesso, e non in quello che lasci per dopo, o domani, o per farlo fare ad un altro. La rivoluzione è in ciò che fai quando ti alzi dal letto; nelle tue azioni appena ti svegli; nelle tue azioni quotidiane; nel tuo atteggiamento e azioni nelle 24 ore. In come rivoluzioni e cambi la tua vita. Nelle piccole cose quotidiane. Nel tuo atteggiamento e comportamento verso queste cose. La rivoluzione è nel tuo comportamento, sul posto di lavoro o nella scuola. Nel tuo tempo libero. Nei tuoi hobby. La rivoluzione è l’atteggiamento, la consapevolezza, e le azioni coerenti con la tua famiglia, con i tuoi vicini, con i tuoi colleghi o con chi studi. Con gli amici, con il tuo partner, o con lo sconosciuto con cui attraversi la strada. La rivoluzione è ciò che predichi con il tuo esempio.
La rivoluzione non è il futuro. La rivoluzione non sta arrivando. La rivoluzione non è una posa estetica. La rivoluzione non è nelle mani di altri. La rivoluzione è in te. La rivoluzione sei tu. La rivoluzione la stai facendo in ogni momento, in ogni secondo della tua vita. Ogni volta che scegli od ogni volta che lasci andare. La rivoluzione è qui e ora.
Quale rivoluzione hai scelto?. Quale rivoluzione vuoi? Sei lo specchio o il fedele riflesso di questo nuovo mondo che dici di difendere?

Crediti
 • Anonimo •
 • Seamos realistas y hagamos lo imposible •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Il caso Nietzsche
537% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Filosofia e rivoluzione: il testo, il contesto e la trama
458% ArticoliFilosofiaRaimon Panikkar
“Philosophy and Revolution: the Text, the Context and the Texture” è un articolo che Panikkar ha pubblicato nel luglio del 1973 sulla rivista di studi interculturali «Philosophy East and West», vol. 23, n° 3, pp. 315-322. Mai apparso in traduzione italian⋯
Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
400% ArticoliPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯
Sapere di non essere
238% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯
Il mercantile
195% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯