⋯
La rivoluzione non è nel libro che si stai leggendo. La rivoluzione non è nel documentario che stai vedendo. La rivoluzione non è nel sito che stai guardando. La rivoluzione non è nelle immagini dei social network. La rivoluzione non è nell’organizzazione, nel gruppo, … di cui fai parte. La rivoluzione non è nelle idee che hai in testa. La rivoluzione non è in quello che dici. La rivoluzione non è in ciò che chiedi di fare. La rivoluzione non è nel domani. La rivoluzione non è in quello che è o in quello che deve accadere…
La rivoluzione è in te. La rivoluzione è in quello che fai. In quello che fai ogni giorno. La rivoluzione è nelle tue azioni di oggi, dal momento in cui ti svegli fino a quando vai a letto. La rivoluzione è in ciò che scegli, in ciò che fai, in come lo fai; in perché lo fai, ogni giorno, ogni ora, ogni minuto della tua vita. La rivoluzione è nelle tue azioni, nei tuoi atteggiamenti, nei tuoi comportamenti; nella consapevolezza e coerenza dell’oggi, dell’adesso, e non in quello che lasci per dopo, o domani, o per farlo fare ad un altro. La rivoluzione è in ciò che fai quando ti alzi dal letto; nelle tue azioni appena ti svegli; nelle tue azioni quotidiane; nel tuo atteggiamento e azioni nelle 24 ore. In come rivoluzioni e cambi la tua vita. Nelle piccole cose quotidiane. Nel tuo atteggiamento e comportamento verso queste cose. La rivoluzione è nel tuo comportamento, sul posto di lavoro o nella scuola. Nel tuo tempo libero. Nei tuoi hobby. La rivoluzione è l’atteggiamento, la consapevolezza, e le azioni coerenti con la tua famiglia, con i tuoi vicini, con i tuoi colleghi o con chi studi. Con gli amici, con il tuo partner, o con lo sconosciuto con cui attraversi la strada. La rivoluzione è ciò che predichi con il tuo esempio.
La rivoluzione non è il futuro. La rivoluzione non sta arrivando. La rivoluzione non è una posa estetica. La rivoluzione non è nelle mani di altri. La rivoluzione è in te. La rivoluzione sei tu. La rivoluzione la stai facendo in ogni momento, in ogni secondo della tua vita. Ogni volta che scegli od ogni volta che lasci andare. La rivoluzione è qui e ora.
Quale rivoluzione hai scelto?. Quale rivoluzione vuoi? Sei lo specchio o il fedele riflesso di questo nuovo mondo che dici di difendere?

Crediti
 • Anonimo •
 • Seamos realistas y hagamos lo imposible •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
435% ArticoliAutori VariPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯
Delcy RodríguezConsiglio Permanente dell’OSA
161% ArticoliDelcy RodríguezPolitica
Sua Eccellenza Delcy Rodríguez Gómez, Segretario Generale dell’OSA, Luis Almagro, vice segretario generale non presente, Illustri Rappresentanti permanenti e supplenti, rappresentanti degli Stati osservatori, invitati speciali, signore e signori. Ministro⋯
 ⋯ Vogliate essere liberi, e lo sarete!
90% Michail BakuninPolitica
Cari compagni, vi ho detto la volta scorsa che due grandi avvenimenti storici avevano fondato la potenza della borghesia: la rivoluzione religiosa del sedicesimo secolo, conosciuta col nome di Riforma, e la grande Rivoluzione politica del secolo scorso. Ho⋯
Kim Jong IlSul ruolo della coscienza delle masse
88% Kim Jong IlPolitica
Il nostro socialismo valorizza al massimo grado la coscienza dell’uomo. La coscienza è un attributo fondamentale dell’uomo, e garantisce il suo Chajusong e la sua creatività. Nel corso della storia essa è stato oggetto di aspre controversie fra il campo d⋯
 ⋯ Il potere e l’onore
75% ArticoliGiuseppe TortoraPolitica
Quando penso a certi personaggi che hanno popolato le nostre aule parlamentari, non riesco a fare a meno di pensare ad una famosa scena del film «Totò a colori». In treno, in uno scompartimento del vagon-lit, il sospettoso Antonio Scannagatti, musicista i⋯
⋯  ⋯Le carogne
73% Paolo SchicchiPolitica
C’era una volta un branco di pecore che pascolava liberamente. L’erba era tenera ed abbondante ed il prato era fiorito. Vennero i lupi. Le pecorelle tremarono di paura e ricorsero ai pastori per protezione. Ma i cattivi pastori, dopo averle munte e tosate⋯