La rivoluzione è in te
La rivoluzione non è nel libro che si stai leggendo. La rivoluzione non è nel documentario che stai vedendo. La rivoluzione non è nel sito che stai guardando. La rivoluzione non è nelle immagini dei social network. La rivoluzione non è nell’organizzazione, nel gruppo, … di cui fai parte. La rivoluzione non è nelle idee che hai in testa. La rivoluzione non è in quello che dici. La rivoluzione non è in ciò che chiedi di fare. La rivoluzione non è nel domani. La rivoluzione non è in quello che è o in quello che deve accadere…
La rivoluzione è in te. La rivoluzione è in quello che fai. In quello che fai ogni giorno. La rivoluzione è nelle tue azioni di oggi, dal momento in cui ti svegli fino a quando vai a letto. La rivoluzione è in ciò che scegli, in ciò che fai, in come lo fai; in perché lo fai, ogni giorno, ogni ora, ogni minuto della tua vita. La rivoluzione è nelle tue azioni, nei tuoi atteggiamenti, nei tuoi comportamenti; nella consapevolezza e coerenza dell’oggi, dell’adesso, e non in quello che lasci per dopo, o domani, o per farlo fare ad un altro. La rivoluzione è in ciò che fai quando ti alzi dal letto; nelle tue azioni appena ti svegli; nelle tue azioni quotidiane; nel tuo atteggiamento e azioni nelle 24 ore. In come rivoluzioni e cambi la tua vita. Nelle piccole cose quotidiane. Nel tuo atteggiamento e comportamento verso queste cose. La rivoluzione è nel tuo comportamento, sul posto di lavoro o nella scuola. Nel tuo tempo libero. Nei tuoi hobby. La rivoluzione è l’atteggiamento, la consapevolezza, e le azioni coerenti con la tua famiglia, con i tuoi vicini, con i tuoi colleghi o con chi studi. Con gli amici, con il tuo partner, o con lo sconosciuto con cui attraversi la strada. La rivoluzione è ciò che predichi con il tuo esempio.
La rivoluzione non è il futuro. La rivoluzione non sta arrivando. La rivoluzione non è una posa estetica. La rivoluzione non è nelle mani di altri. La rivoluzione è in te. La rivoluzione sei tu. La rivoluzione la stai facendo in ogni momento, in ogni secondo della tua vita. Ogni volta che scegli od ogni volta che lasci andare. La rivoluzione è qui e ora.
Quale rivoluzione hai scelto?. Quale rivoluzione vuoi? Sei lo specchio o il fedele riflesso di questo nuovo mondo che dici di difendere?

Crediti
 • Anonimo •
 • Seamos realistas y hagamos lo imposible •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
365% ArticoliAutori VariPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯
Capitalismo  o Economia PianificataCapitalismo o Economia Pianificata
203% Herbert George WellsPolitica
Herbert George Wells: Le sono molto grato per aver accettato di incontrarmi. Recentemente sono stato negli Stati Uniti. Ho avuto una lunga conversazione con il presidente Roosevelt e ho cercato di chiarire quali sono le sue idee principali. Ora sono venut⋯
Delcy RodríguezConsiglio Permanente dell’OSA
138% ArticoliDelcy RodríguezPolitica
Sua Eccellenza Delcy Rodríguez Gómez, Segretario Generale dell’OSA, Luis Almagro, vice segretario generale non presente, Illustri Rappresentanti permanenti e supplenti, rappresentanti degli Stati osservatori, invitati speciali, signore e signori. Ministro⋯
Impero, vent’anniImpero, vent’anni
121% Autori VariPolitica
Vent’anni fa, quando è stato pubblicato il nostro libro Impero, i processi economici e culturali della globalizzazione erano al centro della scena: tutti potevano vedere che stava emergendo qualcosa come un nuovo ordine mondiale. Oggi la globalizzazione è⋯
Pacha MamaXVIII/XX Tesi di politica
86% Enrique DusselPolitica
Il postulato politico nella sfera ecologica – campo delle relazioni dell’essere vivente umano con il suo mezzo fisico-naturale terrestre – si potrebbe enunciare così: Dobbiamo agire in modo tale che le nostre azioni e istituzioni permettano per sempre, pe⋯
 ⋯ XVII/XX Tesi di politica
78% Enrique DusselPolitica
Le istituzioni sono necessarie per la riproduzione materiale della vita, per la possibilità di azioni legittime democratiche, per ottenere efficacia strumentale, tecnica, amministrativa. Che siano necessarie non significa che siano eterne, perenni, non tr⋯