Profilo di Gertrud Schiele
Il profilo della sorella Gertie eseguito circa a 16 anni evidenzia il talento artistico, la gestualità dell’anima estremamente grafica, si legge il disegno preparatorio, l’uso del pennello asciutto per ottenere l’effetto di striatura. Nel primo periodo esegue autoritratti e ritratti nel contesto familiare … è solito avere come modella la sorella minore Gertie, vista come perfetta, grazie alla sua pura bellezza luminosa e al suo corpo adolescente…

Crediti
 Anna Maria Tocchetto
 SchieleArt •  Profilo di Gertrud Schiele • olio e gouache, collezione Cini Art




Quotes per Anna Maria Tocchetto

Amare la vita fin dentro la morte a prescindere da quell'identità, annulla ogni limite o confine che le sono propri: ed è casa, ed è linguaggio universale intriso d'essenza, vita reale da cui mai si dilegua. Se ci Siamo ci Sono.

Un'importante disamina, oltre quei soliti sentimenti irrisolti, presi al laccio dall’immaginario collettivo, e che mai elaborati, fanno girare soli al proprio interno, e fuori quella storia d’amore di tutti e di nessuno, dove si rincorre sempre altro, da sé e dall'Altro.

Chi pensa di non rispondere, psicologicamente parlando, risponde comunque con la paura e i pregiudizi. Non si può non comunicare, di conseguenza, non si può non rispondere, per cui, non è una questione di maleducazione né il suo contrario - invenzione questa, del pensiero che viaggia sugli opposti e sulla speculazione - ma dell'essere che pensa di farsi nulla e che nulla non può essere: sempre lascia qualcosa di sé come risposta, e ancor più vera, proprio perché taciuta.

L'abilità e fermezza della sua linea, una volta iniziata, procede senza tregua e senza correzioni, e persino senza modello, quella linea di carico, segue il suo corso in e con tutta la sua dimensione emotiva.

L'invidia è l'impossibilità di cogliere il vissuto altrui, che poi, è il solo e unico modo per farlo proprio; un circolo senza fine, poiché, anche togliendo effettivamente all'altro ciò che lo fa brillare ed estasiare, non se ne potrà mai coglierne l'essenza e carpire, ciò che non è la realtà dell'oggetto in sé per sé, ma la realtà individuale e unica dell'invidiato… invidiato invano.