Contro la tirannia dello spirito
La fede non è adesione a una teoria astratta, ma a qualcosa di vivo, pulsante. È «la facoltà di ammirare e di fidarsi» e, grazie a questo, spendersi poi totalmente in una generosa ribellione «contro la logica, durissima tirannia dello spirito (…) La pazzia, l’autentica pazzia, ci va mancando, e ne sentiamo il bisogno per vedere se ci guarisce – una buona volta – da questa peste del buonsenso che ci tiene tutti quanti soffocati e compressi».

Crediti
 • Miguel de Unamuno •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ Il caso Nietzsche
557% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯

⋯  ⋯Biografia di Georg Wilhelm Friedrich Hegel
277% BiografieWikipedia
Dopo aver compiuto gli studi ginnasiali nella sua città, entrò nel 1788 nello Stift di Tubinga, una sorta di seminario protestante, dove ebbe come condiscepoli Schelling e Hölderlin, con i quali strinse una viva amicizia e condivise gli entusiasmi per la ⋯

Friedrich NietzscheUn nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
226% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯

 ⋯ Sapere di non essere
172% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯

Da Zarathustra a KhomeiniDa Zarathustra a Khomeini
160% ArticoliGerhard SchweizerLibri
La storia della Persia iniziò a Battria e prima ancora che un governatore vi regnasse in nome dei re divini, visse a Battria un uomo che sarebbe diventato, più di qualsiasi altro, una figura determinante per la notorietà della cultura persiana in occident⋯

 ⋯ Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
147% ArticoliAutori VariPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯